Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Fond. Vaticana: no spese eccessive

Edizione del: 14 agosto 2013

Monsignor Segundo Tejado Munoz, Sottosegretario di Cor Unum, il Dicastero da cui dipende la Fondazione costituita da Papa Wojtyla con Chirografo datato 13 febbraio 1992, anno coincidente con il quinto centenario dell’Evangelizzazione del Continente Americano, sottolinea che in tempi di crisi economica e dopo i richiami all’austerità lanciati da Papa Francesco, la Fondazione Vaticana “Populorum Progressio” ha adottato una valutazione dei progetti particolarmente severa.

“Se nel progetto figurano spese marginali  – ha dichiarato il Monsignore - come per esempio per automobili di rappresentanza, uffici con arredamenti di lusso, compensi elevati, eccetera allora tiriamo dritto”.

Sono in totale 170 i progetti finanziati negli ultimi 12 mesi dalla Fondazione “Populorum Progressio”: 27 progetti da realizzare in Colombia, 22 in Brasile, 16 in Bolivia, 15 in Perù, e poi ancora in Argentina, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Haiti, Honduras, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Repubblica Dominicana, Uruguay e infine Venezuela.

I fondi in parte sono forniti da privati ma la quota più consistente arriva dalla Conferenza Episcopale Italiana, rivela il Sottosegretario.

Quanto ai criteri di selezione dei progetti, si richiede che l’impegno sia di volontariato “e questo è un elemento imprescindibile”.

“Poi – conclude il Monsignore – si indaga sulla correttezza della posizione di chi presenta il progetto alla diocesi. Vogliamo cioè essere certi di mettere quel poco che abbiamo nelle mani giuste per la realizzazione del progetto. Generalmente, a ogni progetto approvato, destiniamo sino a un massimo di quindicimila dollari. Soldi che giungono a destinazione per una somma pari al 95/96 per cento: infatti i costi di gestione del progetto non superano mai il 4,5 per cento della somma destinata. E non è poco se si pensa che una normale Ong per le spese amministrative impiega il 40/50 per cento della somma destinata alla realizzazione”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login