Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Firenze riscopre pellegrinaggio a piedi

Edizione del: 3 settembre 2013

Firenze, una tra le più importanti e conosciute città del mondo, soprattutto per il suo patrimonio culturale ed artistico, prevalentemente legato alla cristianità, sta da qualche anno riscoprendo e valorizzando il pellegrinaggio mariano a piedi.

La ripresa, e valorizzazione, di questo antica forma devozionale si deve soprattutto alla Compagnia della Rificolona, insieme al Consiglio di Quartiere 1 e al Comune di Firenze, ed è legata alla festa, molto importante per Firenze, della Rificolona, una tra le più antiche tradizioni fiorentine, che si celebra alla Vigilia della Natività della Madonna, ovvero la sera del 7 settembre.

Festa che dal 2003 la stessa Compagnia, grazie soprattutto all’insegnante Cristina Piazzini e al Consigliere Comunale Graziano Grazzini (deceduto improvvisamente nel 2006 alla vigilia della Festa) ha rivalorizzato, riportando i fiorentini nella piazza principale di tale festa, la Santissima Annunziata, dove si trova la principale basilica mariana della città, e dove la festa è iniziata nei secoli scorsi.

La tradizione della Rificolona  fonda le sue radici sui contadini delle vicine campagne i quali, alla vigilia della ricorrenza della natività della Madonna, la sera del 7 settembre si dirigevano dai loro poderi delle colline fiorentine verso Firenze per andare alla Basilica della SS.ma Annunziata in attesa del giorno di festa, portando la loro mercanzia al mercatino che di solito si svolge in questa data.

In quell’occasione le giovani contadine venivano canzonate con il nomignolo di Fierucolone, da qui la parola Rificolona, attribuita successivamente alle lanterne di carta che in quell’occasione servivano per illuminare il percorso delle strade di campagna che in quel periodo erano completamente al buio.

Ancora oggi queste lanterne di carta, alcune fatte a mano nei vari laboratori sparsi nella città, o acquistate nelle cartolerie, dai diversi colori e fogge, con all’interno una candela di cera, vengono portate a giro per la città dal tramonto dai bambini, accompagnati dai genitori per le strade, illuminando il capoluogo toscano.

Dal 2011 la Compagnia ha ripristinato l’antico Pellegrinaggio a piedi decidendo di partire da un altro santuario mariano molto importante per la diocesi, quello dell’Impruneta, distante dalla Basilica della SS.ma Annunziata di Firenze circa 14km.

E se il primo anno i pellegrini furono solo 53, l’anno scorso, per la seconda edizione, i partecipanti furono 300, mentre questo anno, secondo le previsioni degli organizzatori si dovrebbe arrivare a 500 adesioni.

Il Pellegrinaggio è scandito, lungo il percorso, da canti e dalla recita del Rosario, portando le particolari e comunitarie intenzioni di preghiera, con due soste alla Chiesa di San Gersolè e alla Chiesa di San Michele a Monteripaldi. All’inizio del Pellegrinaggio verranno indicate anche alcune intenzioni di preghiera e di richiesta di Grazia per le quali tutti saranno invitati a pregare durante il cammino.

Un pellegrinaggio da non prendere sottobanco, che si svolge per 14 km, molti dei quali attraversando sentieri di campagna, e solo in parte sulla strada asfaltata, in una sorta di speciale via Francigena che unisce i due principali santuari della Toscana e dell’Arcidiocesi di Firenze.

Il pellegrinaggio – la cui partecipazione è libera – ha  inizio presso il Santuario Mariano dell’Impruneta alle ore 15 del 7 settembre.

L’arrivo a Firenze è previsto per le ore 19.45 in Piazza Santa Felicita dove i pellegrini saranno accolti dai fiorentini con le Rificolone, per proseguire tutti assieme,  accompagnati dalla Filarmonica di Impruneta, verso Piazza SS.ma Annunziata.

Da questo anno è stato istituito un sito del pellegrinaggio dove è possibile trovare approfondimenti e modalità dell’intero percorso: www.pellegrinaggionativitamaria.wordpress.com

Quest’anno il corteo delle Rificolone partirà da Piazza della Signoria alle ore 20.40, ricongiungendosi con il gruppo dei pellegrini provenienti dal Santuario dell’Impruneta, che ripartiranno da Piazza Santa Felicità, dopo una breve sosta, poco dopo le 20,  attraversando Ponte Vecchio, e percorrendo via Por Santa Maria e via Vacchereccia fino ad arrivare in Piazza Della Signoria.

In piazza della Signoria ritrovo con le Rificolone del Quartiere 1 e incontro con le Autorità Civili cittadine, tra cui il Sindaco di Firenze Matteo Renzi con il Gonfalone.

Il corteo ripartirà da piazza Signoria e percorrendo via Calzaiuoli giungerà in piazza S. Giovanni dove alle ore 21,00 si riunirà ad altri cortei delle Rificolone i quali faranno una breve sosta per l’incontro con il Cardinale di Firenze, Mons. Giuseppe Betori che continuerà il cammino insieme al corteo.

Il corteo, accompagnato dal Gonfalone di Firenze, ripartirà percorrendo Piazza Del Duomo e Via Dei Servi fino a raggiungere Piazza S.S. Annunziata dove alle 21.30 circa avrà inizio la festa con la benedizione delle Rificolone da parte del Cardinale e il saluto del Presidente del Quartiere 1 e delle Autorità Civili della città.

Intorno alle 21.45 ci sarà la consegna del VII° premio alla memoria di Graziano Grazzini, Consigliere Comunale e poi Provinciale di Firenze, sostenitore e promotore della Compagnia della Rificolona che scomparve prematuramente il 6 settembre del 2006 alla vigilia della festa e per le quali come sempre nelle sue numerose manifestazioni di amore e attenzione per la sua città, si era speso senza riserve per la riuscita della serata.

Questo premio a lui dedicato è stato istituito dall’anno successivo alla scomparsa ed è divenuto un appuntamento fisso all’interno della festa dove verrà premiata la Rificolona più artigianale e originale presente in piazza.

Dopo la premiazione seguirà un momento di spettacolo/testimonianza della esperienza di Nomadelfia, mentre il pellegrinaggio avrà termine all’interno della Chiesa della Basilica della S.S. Annunziata, che dalle ore 21.00 rimarrà aperta al pubblico per tutto il tempo della festa.


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login