Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Fi: rispetto e spiritualità paziente

Edizione del: 13 giugno 2013

Un documento “inedito”, che ricorda ai medici l’importanza del rispetto e della valorizzazione della vita spirituale del paziente, è stato  approvato dall’Ordine dei Medici di Firenze.

Il docunebnto è stato presentato dal Presidente Antonio Panti  nel corso del Convegno “Spiritualità, salute mentale e disabilità”, organizzato a Firenze e aperto con il saluto del Cardinale Giuseppe Betori.

Si tratta, è stato spiegato di una “novità nel mondo medico”.

“Certo – ha spiegato Panti -, già il giuramento di Ippocrate prevede che l’assistenza del medico nei confronti del paziente prescinda da qualsiasi discriminazione ma quello che abbiamo appena approvato come Ordine è un vero e proprio invito alla capacità del medico di fare appello alle doti profonde dell’animo umano, perché sappiamo bene che nel processo di guarigione supportare l’individualità e la spiritualità del paziente è fondamentale”.

“In un momento come questo – ha aggiunto Panti -, che registra una mescolanza di valori e linguaggi morali, anche all’interno della stessa religione, è più che mai importante richiamare i dottori alla comprensione e al supporto profondo della dimensione religiosa del paziente”.

Nel documento si legge: “Si tratta oggi di porre l’accento sull’empatia che deve caratterizzare la relazione col paziente, affinché il medico non soltanto rispetti i convincimenti della persona ma ne sappia valorizzare e stimolare la dimensione etica, spirituale o religiosa per favorirne la reazione positiva alla malattia e alla cronicità”.

E ancora: “Il Consiglio dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri della Provincia di Firenze intende aprire una riflessione sul rapporto fra paziente e terapeuta di fronte alla sempre più frequente evenienza che tale relazione si debba costruire in presenza di diverse visioni del mondo, ideologie, opinioni e credenze”.

Nel suo saluto il Cardinale Betori ha spiegato che la particolarità del Convegno, promosso dalla Fondazione Oda Firenze Onlus con Appc Toscana, “è che va ad approfondire temi importanti che considerano la persona nella sua integralità e pone al centro di queste riflessioni i deboli, non i potenti”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login