Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

FI: in 23mila hanno fatto il Presepe

Edizione del: 26 novembre 2013

Firenze, città dove il bello è da sempre di casa, qui si trovano i più belli monumenti italiani, da 12 anni si distingue anche per un’altra bellezza, quella dell’arte del Presepe grazie alla piccola, ma forte, squadra che del Comitato organizzatore di Capannucce in Città, che appunto da 12 anni invita a realizzare il presepe attraverso una lettera che l’Arcivescovo di Firenze scrive direttamente ai bambini, invito che viene però anche accolto dagli anziani e, da qualche anno, anche dai commercianti, in quanto l’iniziativa del Comitato è proprio quella di riportare al centro del Natale il suo vero significato, ovvero la nascita di Gesù.

In questi 12 anni sono stati premiati – tutti sempre personalmente dal Cardinale Arcivescovo di Firenze durante la cerimonia che si tiene il 5 gennaio nella Chiesa di Piazza Antinori, ricevendo un diploma personalizzato e un piccolo presepe artigianale multietnico, eccetto l’anno scorso che ricevettero un librettino sulle origini del presepe – più di 23 mila bambini e ragazzi di Firenze, numerosi adulti e decine di parrocchie e scuole. Ben l’80% delle scuole partecipanti sono scuole pubbliche.

Oltre 3.600 i bimbi premiati solo lo scorso anno.

Soddisfatti ovviamente i  membri del Comitato promotore: Paolo Blasi (presidente), Mario Razzanelli (segretario e fondatore), Cesarina Dolfi, Giorgio Fozzati, Riccardo Bigi che si avvalgono della preziosa, quanto fattiva, collaborazione organizzativa di Manuela Plastina.

Due anni fa, per il decennale, anche Papa Benedetto XVI volle complimentarsi con loro, ricevendoli in udienza in Vaticano e inviando la benedizione papale a tutti gli iscritti.

E ovviamente, vista la recente elezione di Papa Francesco non poteva mancare un pensiero anche per il nuovo Pontefice.

presepe firenze per Papa Francesco“Papa Francesco – evidenzia il segretario del Comitato e fondatore dell’evento Mario Razzanelli – sarà vicino ai bambini che parteciperanno a Capannucce in città. Abbiamo invitato i ragazzi a scrivere una lettera al Santo Padre in cui raccontano come e  perché fanno il presepe con la Madonna, San Giuseppe e Gesù Bambino e lo invitano ad essere ‘dei nostri’ il 5 gennaio 2014, giorno in cui il nostro Arcivescovo Betori li premierà. Porteremo  al Pontefice le letterine in Vaticano insieme alle foto di 12 anni di Capannucce in città  e ad un piccolo presepe in legno (foto)  che potrà mettere sulla sua scrivania. Siamo sicuri che Papa Francesco accoglierà volentieri le letterine dei nostri ragazzi e le leggerà sorridendo”.

Con questa iniziativa il Comitato intende anche lanciare un messaggio ben preciso a Papa Francesco, che con il suo agire e messaggi ha riavvicinato tantissime persone alla Fede,  ovvero di cercare di estendere l’esperienza dell’iniziativa fiorentina di promozione del Presepe a tutte le diocesi del mondo che potrebbero ispirarsi al modello di Capannucce in città, esportandola così nei 5 continenti.  

In questa dodicesima edizione, torna per il secondo anno anche un’altra iniziativa, sempre firmata Capannucce in città in collaborazione con la Diocesi di Firenze: lo stesso Cardinale Betori l’8 dicembre prossimo, al termine della celebrazione delle 10,30 nel duomo cittadino, darà la propria benedizione ai Bambinelli, le statuine di Gesù bambino delle case, parrocchie, scuole, gruppi parrocchiali dei fiorentini.

“Tante, troppe persone – scrive quest’anno il Cardinale Betori ai bambini dell’Arcidiocesi di Firenze – si troveranno a festeggiare questo Natale senza lavoro. Cari bambini, quest’anno facendo il presepe in casa (ma anche nelle scuole, negli ospedali, nelle carceri, nei negozi, negli uffici, nelle fabbriche…) pensiamo anche a loro. Augurandoci che questo segno visibile della nascita di Gesù, così bello e gioioso, possa servire a dare speranza a tutte le persone, soprattutto a chi è nella difficoltà: quella speranza certa che nasce solo dalla fede in Gesù Cristo nato, morto e risorto per noi. E dalla speranza nascano anche, dal cuore di tutti, gesti di amore”.

Possono iscriversi gratuitamente, oltre ai bambini, anche i commercianti e gli artigiani che realizzeranno il presepe nelle loro vetrine.

A premiarli sarà sempre il Cardinale Betori il 5 gennaio 2014 alle ore 16 nella chiesa di San Gaetano a Firenze, allietati anche qui come sempre dalle note natalizie dei 60 bambini del Piccolo Coro Melograno.

Tutti sono e saranno vincitori e per questo verranno premiati con un dono simbolico, quest’anno una stella cometa raffigurante la Sacra Natività, realizzata artigianalmente dalla ditta di articoli religiosi, a conduzione familiare, Agape, di Campi Bisenzio e un diploma di partecipazione con il loro nome e cognome solo per il fatto di aver realizzato il presepe in famiglia, in classe o in chiesa.

Tutto questo è da sempre possibile grazie al contributo economico dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

Tutte le informazioni sulla partecipazione-iscrizione sul nuovo sito Internet www.capannucceincitta.it  con anche la rassegna stampa e tutte le fotogallery delle passate edizioni.

Qui saranno pubblicate anche le immagini dei presepi che i bambini potranno inviare  a info@capannucceincitta.it

“Anche quest’anno Capannucce in città chiama i bambini e le loro famiglie a fare il Presepe in vista del prossimo Natale –  sottolinea il presidente del Comitato, professor Paolo Blasi -. E’ la dodicesima edizione e ci aspettiamo anche questo anno migliaia di partecipanti! Siamo particolarmente contenti perchè abbiamo raggiunto l’obbiettivo che ci eravamo posti dodici anni fa: avevamo constatato che la tradizione del presepe stava affievolendosi e decidemmo perciò di operare per  riportare il presepe nelle famiglie e nella società attraverso il coinvolgimento dei bambini. Siamo infatti convinti che nella società dell’immagine il presepe rappresenti il modo più efficace di comunicare il mistero del Natale e cioè di un Dio che si è fatto Uomo. Oggi constatiamo che  nelle case, nei negozi, nei mercatini natalizi, il presepe è tornato ad occupare il posto che gli spetta e a sollecitare, intorno alla nascita di Gesù, la creatività personale di piccoli e grandi suscitando in tutti noi emozioni che si erano perse”.

Iscriversi è gratuito e semplice: basta rivolgersi alle parrocchie o alle scuole e inviare una mail con i nomi, cognomi e età di tutti i bambini partecipanti all’iniziativa a info@capannucceincitta.it, oppure collegarsi al sito www.capannucceincitta.it.

Commercianti e artigiani: tutti coloro che realizzeranno il presepe nel proprio negozio potranno iscriversi gratuitamente sempre scrivendo a info@capannucceincitta.it inviando il nome del negozio, l’indirizzo, nome e cognome del titolare e di eventuali collaboratori e la fotografia della vetrina.

Tutti saranno premiati.

Segnalazioni: potranno anche essere segnalate iniziative particolari legate alla tradizione del presepe che tanti adulti e anziani accomuna. Il comitato provvederà a valutare il merito e la dedizione alla capannuccia e inviterà alla premiazione i segnalati per una premiazione davvero speciale.

Per qualsiasi informazione tel. 338/75.93.538 oppure info@capannucceincitta.it

Facebook http://www.facebook.com/groups/capannucceincitta/

Nella foto i Membri del  Comitato con il Cardinale Betori, assenti Riccardo Bigi e Manuela Plastina.CAPANNUCCE COMITATO


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login