Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Evangelici:finti malati per comprare tv

Edizione del: 4 novembre 2013

Per ottenere finanziamenti sufficienti all’acquisto di un canale televisivo, occupato fino a poche settimane fa dall’emittente musicale Mtv, una chiesa Evangelica brasiliana ha invitato alcuni fedeli a “fingersi infermi curati dalla fede, ex drogati e invalidi”.

Lo rende noto la stampa locale, rivelando i contenuti di una lettera trovata in una chiesa di San Paolo appartenente all’Igreja Mundial do Poder de Deus.

Il canale in questione, numero 32, è una concessione del gruppo editoriale Abril, che lo ha messo in vendita per mezzo miliardo di reais, circa 166 milioni di euro.

Nella missiva, i Leader religiosi rivolgono un appello ai devoti, precisando che non devono dimostrare di essere realmente malati: basta appena la disponibilità a viaggiare “per dare una testimonianza di benedizione e vittoria”, in modo da “riuscire a convincere il numero più alto possibile di persone a dare il loro contributo” economico.

In cambio, viene offerto “un aiuto per i costi” previsti.

Secondo un reportage di “Noticias da TV”, l’Igreja Mundial do Poder de Deus, in mano al telepredicatore Valdemiro Santiago – presenza costante nei palinsesti tv – sta attraversando una grave crisi finanziaria.

In particolare, avrebbe un debito calcolato tra i 13 e i 21 milioni di reais, tra i 4 e i 7 milioni di euro, con la holding della comunicazione, Grupo Bandeirantes.

Inoltre, ha perso il diritto a occupare 23 ore al giorno della Rede 21 e 3 ore, quotidianamente, nell’orario notturno del canale Band.

Lo stesso spazio sarà destinato proprio al culto considerato il suo principale rivale, l’Igreja Universal do Reino de Deus di un altro personaggio controverso, il “Vescovo” Edir Macedo.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login