Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Dioc. Ferrara su abusi prete

Edizione del: 20 ottobre 2013

Il Vescovo di Ferrara, Mons. Luigi Negri, è stato “coinvolto inopinatamente e aggressivamente in una vicenda accaduta nell’ambito dell’Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio più di 30 anni fa, e non può non riconoscere la gravità morale di ciò che è accaduto ed esprimere nei confronti dei responsabili la più viva deplorazione, ma anche la più profonda affezione e vicinanza di carità e giustizia Cristiana alle vittime di questa terribile storia”.

Lo scrive in una nota l’Arcidiocesi estense, intervenendo dopo la puntata de “Le Iene” sul caso di un ragazzo ferrarese che ha denunciato un parroco del Ferrarese, che nel 1980 abusò della madre, a suo dire mettendo tutto a tacere con un ricatto, disconoscendo la paternità del giovane.

Il Vescovo, “tuttavia non può non far notare che, dopo essersi responsabilmente e debitamente informato a seguito dell’incursione subita da ‘Le Iene’, la Chiesa di Ferrara-Comacchio non ha niente di cui accusarsi. Questa Chiesa locale ha obbedito rigorosamente alle direttive che sono pervenute dalla Santa Sede, ha ottemperato a tutte le sue richieste e continuerà a farlo per ogni ulteriore e futura indicazione. Chi conosce almeno un po’ il rapporto tra Chiesa, Stato e società civile sa bene che la Chiesa, nei confronti dei sacerdoti, non si configura affatto come un datore di lavoro, che interverrebbe nelle vicende di carattere giuridico, economico e civile. Pertanto – conclude – la Chiesa stessa, che ha aiutato come poteva coloro che erano implicati nella vicenda, non ha nessun obbligo a risarcimenti o ad azioni analoghe”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login