Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Chiesa su Maghi,Cartomanti,Oroscopi

Edizione del: 1 novembre 2013

Se nella Bibbia i Profeti, coloro che annunciano il futuro, sono i messaggeri del Signore e sono ben visti, chi pratica invece la magia, l’evocazione di spiriti, le varie forme di divinazione, ovvero predizione del futuro a partire dai segni della natura, è condannato. 

Un esempio su tutti Deuteronomio 18,10-14: “Non si trovi in mezzo a te chi esercita la divinazione o il sortilegio o l’augurio o la magia; né chi faccia incantesimi, né chi consulti gli spiriti o gli indovini, né chi interroghi i morti,  perché chiunque fa queste cose è in abominio al Signore”.

Ma anche  Geremia 29,8-9, Levitico 19,26b “Non praticherete alcuna sorta di divinazione o di magia”, o 19,31 “Non vi rivolgete ai negromanti né agli indovini; non li consultate per non contaminarvi per mezzo loro”.

Condanna che da sempre la Chiesa Cattolica ha fatto sua, insegna per tutti il periodo della Sacra Inquisizione, fino ai giorni nostri, dove si ribadisce il concetto nel Catechismo della Chiesa Cattolica: “tutte le pratiche di magia e di stregoneria con le quali si pretende di sottomettere le potenze occulte per porle al proprio servizio ed ottenere un potere soprannaturale sul prossimo – fosse anche per procurargli la salute – sono gravemente contrarie alla virtù della religione. Tali pratiche sono ancor più da condannare quando si accompagnano ad una intenzione di nuocere ad altri o quando in esse si ricorre all’intervento dei demoni. Anche portare gli amuleti è biasimevole”.

Più duri poi sono stati i Vescovi della Toscana che nel 1994 hanno addirittura promulgato un documento su questo tema.

I Vescovi toscani sono stupefatti “dall’impressionante ritorno alle pratiche magiche”, fenomeno che “tende a imporsi nella vita collettiva e personale di migliaia di individui, compresi gli stessi fedeli”.

Tra le cause “è da annoverarsi soprattutto una grave carenza di evangelizzazione”.

“Chi ha scoperto Gesù Cristo – sottolineano i Vescovi toscani – non ha bisogno di andare a cercare la salvezza altrove”.

Eppure una radio, che è la radio di una diocesi toscana, ogni mattina, nel programma iniziale della giornata, programma seguitissimo, il conduttore non solo legge l’oroscopo, ma addirittura stila una classifica, per la giornata, dei segni.

Franco Mariani


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login