Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

CEI: a Firenze prende forma Casa della Carità 2015

Edizione del: 18 maggio 2015

Sono iniziati i lavori e sta prendendo forma a Firenze nel quartiere di Novoli, in via Corelli, la “Casa della Carità”, progetto nato per venire incontro alla carenza di servizi e di housing sociale in una delle zone più popolose della città.

A fare visita al cantiere l’Arcivescovo di Firenze, Cardinale Giuseppe Betori e il Presidente dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Umberto Tombari, l’Assessore al sociale del Comune di Firenze, Sara Funaro, il Presidente del Quartiere 5, Cristiano Balli, e il direttore della Caritas diocesana, Alessandro Martini.

Il condominio solidale, affidato alla Caritas diocesana, potrà ospitare anziani soli ed autosufficienti e sarà destinato a servizi per persone svantaggiate e in disagio sociale del quartiere e per attività socio-assistenziali.

Il progetto è sostenuto dalla Conferenza Episcopale Italiana con 2,5 milioni di euro, dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze con altrettanti 2,5 milioni di euro, e dall’Arcidiocesi di Firenze con 1,5 milioni di euro.

La “Casa della Carità” è il primo gesto concreto verso il 5° Convegno Ecclesiale Nazionale di Firenze, 9-13 novembre 2015.

Il piano di recupero generale prevede essenzialmente 2 operazioni: la demolizione dell’edificio su via Corelli e la ristrutturazione della parte interna del complesso.

Si tratta di un’area del quartiere che grazie al progetto viene completamente risanata.

Il cantiere è già operativo e in questi mesi è stato demolito  quasi tutto ciò che non sarà riutilizzato.

L’area è stata bonificata dall’amianto e sono stati smaltiti i materiali speciali.

I materiali da costruzione sono stati invece già divisi e stoccati sul lato della ferrovia.

Altri lavori sono stati dedicati alla pulizia del piazzale interno: sono state rimosse tettoie, sterpaglie e altri resti che sono stati smaltiti.

Nel piazzale è stata inoltre preparata la massicciata con il pietrisco utile per il cantiere ed è già stata installata la gru.

In questa settimana sarà demolito il vecchio manufatto per la costruzione del nuovo edificio e saranno realizzati i collegamenti fognari.

Qui nasceranno il condominio solidale con 16 mini appartamenti per persone anziane e famiglia e l’area per l’infanzia, che potrà essere un asilo o un doposcuola.

Questa prima struttura sarà pronta presumibilmente fra un anno.

Nella parte interna, che sarà invece ristrutturata, saranno realizzati un centro diurno per anziani, un centro di accoglienza per emergenze abitative e gli spazi che ospiteranno una comunità di Religiose a cui verrà affidata la cura e il coordinamento dei servizi previsti.

“Sono lieto che Ente Crf, la nostra Arcidiocesi e la CEI, che si avvale di fondi 8 per mille, collaborino per realizzare un’opera che va incontro a una condizione di fragilità tipica del nostro tempo, quella degli anziani soli. – ha detto l’Arcivescovo di Firenze Cardinale Giuseppe Betori. – Papa Francesco richiama spesso l’attenzione della società simultaneamente sulla condizione dei giovani e su quella degli anziani, come realtà tra loro connesse, e sul patrimonio di saggezza per la società che sono gli anziani, che meritano quindi tutta la nostra solidarietà. L’apertura dei lavori della nostra Casa della Carità è un segno di umanesimo riuscito sulla strada verso il Convegno Ecclesiale Nazionale”.

“Siamo stati davvero lungimiranti, assieme alla diocesi – ha dichiarato il Presidente Ente Cassa di Risparmio di Firenze Umberto Tombari –  nel capire, fin dal 2002, l’importanza di garantire servizi nelle periferie e riteniamo che questa operazione sia il passo ulteriore di un nuovo modello di Fondazione che cerca di rispondere ad esigenze concrete del territorio con progetti strutturali e permanenti di grosso impatto e in sinergia comportanti istituzioni locali e nazionali. E’ anche un segnale del nostro impegno a sostegno del terzo settore, quest’anno gli destiniamo quasi 10 milioni di euro, pari al 39% del totale delle erogazioni, che continua ad essere è la vera emergenza del momento”.

casa carita cei firenze casa carita cei firenze  (2)

Prima Posa casa accoglienza Firenze 2015 (7)Prima Posa casa accoglienza Firenze 2015 (4) Prima Posa casa accoglienza Firenze 2015 (5) Prima Posa casa accoglienza Firenze 2015 (9) Prima Posa casa accoglienza Firenze 2015 (6) Prima Posa casa accoglienza Firenze 2015 (3) Prima Posa casa accoglienza Firenze 2015 (8) Prima Posa casa accoglienza Firenze 2015 (2)

casa carita cei firenze  (3) casa carita cei firenze  (4)


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login