Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Cardinali: cresce attesa per nomi

Edizione del: 5 gennaio 2014

Cresce l’attesa per sapere chi Papa Bergoglio eleverà alla dignità Cardinalizia nel prossimo Concistoro, convocato per il 22 febbraio.

Ancora poche ore, forse già domani, nell’Angelus della Solennità dell’Epifania, o al più tardi durante l’Udienza Generale di mercoledì 22 gennaio, ad un mese esatto, come vuole la “tradizione”, dalla data della cerimonia di consegna della berretta rosso porpora.

I posti disponibili sono attualmente 14, ma dopo poche settimane il Cardinale Tettamanzi compirà 80 anni, e quindi è probabile che il Papa, qualora intenda rispettare il numero fissato da Papa Paolo VI, e riconfermato da Papa Giovanni Paolo II, che fissa in 120 il numero dei Cardinali Elettori, ovvero sotto gli 80 anni, non crei più di 15 Cardinali elettori, mentre, qualora volesse premiare con la Porpora sacerdoti e vescovi che hanno servito la Chiesa, qui il numero è a sua libera scelta, senza nessuna limitazione.

L’unico ad essere sicuro di essere nominato Cardinale, e ad essere il primo della lista, ovvero nel posto d’onore, chiamato per questo a ringraziare il Papa a nome di tutti i nuovi Principi della Chiesa, sarà l’Arcivescovo Parolin, attuale Segretario di Stato Vaticano, che così si firma, anche se è norma in Vaticano, fino a quando il nominato non è stato elevato alla Porpora, fare precedere il suffisso Pro, e di fatti sulla porta del suo ufficio alla Terza Loggia del Palazzo Apostolico in Vaticano c’è scritto Pro Segretario di Stato, ma fin dalla sua nomina sia nei comunicati che nei documenti firmati il suffisso Pro è del tutto sparito, anche qui una delle tante “innovazioni” portate dal Pontificato di Bergoglio.

Di sicuro ci saranno tante sorprese, con nomi, soprattutto tra gli italiani, che saranno esclusi – si mormora anche di nomi eccellenti, come il Patriarca di Venezia – o inclusi a sorpresa, come quello, si dice, dell’Arcivescovo di Perugia, Mons. Gualtiero Bassetti, toscano, entrato da tempo nelle grazie di Papa Francesco.

Una cosa è certa: nel prossimo triennio altri 32 Cardinali compiranno 80 anni e quindi entro il 2017 Papa Francesco potrebbe aver nominato in tutto almeno 47 Cardinali Elettori, ovvero più di un terzo del Collegio Cardinalizio chiamato ad eleggere il suo successore,  pochi meno dei 53 creati da Benedetto XVI e dei 20 nominati da Giovanni
Paolo II.

Ma tornando al prossimo, il primo di Papa Francesco, dove molti saranno i delusi, tolte le 3-4 berrette che con ogni probabilità saranno a beneficio di altrettanti Capi di Congregazioni e Dicasteri Vaticani, le porpore per Vescovi a capo di diocesi di tutto il mondo non saranno che una decina circa, poche, rispetto alle tanti sedi tradizionalmente considerate cardinalizie, almeno fino ad oggi, che attendono la Porpora, perchè nell’era di Papa Bergolio non ci sono più certezze sulle “tradizioni”.

Vedremo dunque, a breve, anche in questo settore, quale sarà l’effetto Bergoglio.

Franco Mariani


Autore: 

Franco Mariani, direttore di News Cattoliche, classe 1964, giornalista, ha cominciato ad occuparsi di giornalismo nel 1978, a 14 anni, l’anno dei tre Papi, scrivendo per alcuni settimanali cattolici, passando poi a quotidiani, televisioni, radio e web. E’ giornalista Vaticanista, critico cinematografico ed esperto dell’Alluvione di Firenze del 1966 e dello Zecchino d’Oro. Ha frequentato la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze. In seno al Sindacato unitario dei giornalisti ha ricoperto vari incarichi regionali e nazionali. E’ direttore di varie testate e ha pubblicato diversi libri sulla storia del papato e di Firenze. E’ Cavaliere di Merito dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio.

You must be logged in to post a comment Login