Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Sepe: Caritas allo stremo

Edizione del: 28 aprile 2013

L’Arcivescovo di Napoli, Cardinale Crescenzio Sepe ha commentato lo stato di crisi degli Istituti Religiosi e delle Caritas.

Di fronte al dramma della povertà “non reggono anche gli Istituti Religiosi e le Caritas parrocchiali sono allo stremo”, ha detto il Porporato.

“Sono tantissimi e sempre di più quelli che ogni giorno bussano alle porte delle parrocchie e dei Conventi. Come Chiesa cerchiamo di testimoniare solidarietà. Ma le parole da sole non bastano. Attiviamo le mense, diamo aiuti per quanto possibile”.

“In questo contesto non basta l’ascolto, la parola di incoraggiamento e di conforto”.

Secondo il Cardinale Sepe, dunque, “l’invito alla speranza è poco incisivo e non viene raccolto perché ci sono risposte urgenti da dare in famiglia”.

Per tanti, ricorda l’Arcivescovo di Napoli, “non c’è alcun reddito, benché minimo; manca il sostentamento; mancano i soldi per pigione e servizi essenziali. Mancano il latte e le medicine”.

E “anche la tutela della salute” sta diventando qualcosa “che non ci si può permettere”.

E le conseguenze “si hanno sui soggetti più deboli del nucleo familiare: sui bambini, sui giovani, sugli anziani”.

La Chiesa cerca di “testimoniare solidarietà” ma, scrive Sepe, “le parole da sole non bastano”.

“Anche noi, come i primi Apostoli, siamo costretti a dire ‘Signore, dove possiamo comprare il pane?’ – afferma il Cardinale – Risuona, oggi più che mai, questo angosciante interrogativo che lanciai, pubblicamente, a Pasqua del 2009 con una Lettera Pastorale, perché già allora si paventava la perdita di circa duecentomila posti di lavoro, per cui altrettante famiglie si sarebbero aggiunte a quante, già numerose, vivevano in situazioni di estrema povertà”.

“Sento il loro grido – dicevo nella Lettera – lo ascolto ogni giorno negli incontri nelle parrocchie o attraverso la corrispondenza e mi chiedo se si può rimanere insensibili a tanto dolore e sofferenza. Può un padre tapparsi le orecchie o rispondere di andare altrove a procurarsi da mangiare? Può un Vescovo o un sacerdote, testimone di Cristo, rimanere indifferente a quanti chiedono aiuto e compassione?”.

“Purtroppo, oggi di povertà si muore e non per mancanza di nutrimento, ma per vergogna, per pudore, per la difesa della dignità personale, perché non si ha come pagare i debiti o le tasse, perché non si ha nulla da offrire e da dire a moglie o marito e figli. Siamo alla esasperazione” conclude il Cardinale Sepe.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login