Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Sarah su Messaggio Quaresima

Edizione del: 9 febbraio 2014

Il Cardinale Robert Sarah, Presidente del Pontificio Consiglio “Cor Unum”,  presentando in Vaticano il Messaggio della Quaresima 2014 scritto da Papa Francesco ha evidenziato come “l’opzione preferenziale per i poveri deve tradursi principalmente in un’attenzione religiosa privilegiata e prioritaria”.

Il Porporato ha ricordato che “troppo spesso si considera la povertà semplicemente nella sua dimensione sociologica e la si comprende come mancanza di beni. Inoltre il concetto di ‘Chiesa povera per i poveri’ viene spesso evocato – ha detto – come forma di contestazione alla Chiesa, purtroppo anche opponendo una Chiesa dei poveri, una Chiesa buona, una Chiesa che fa il bene, una Chiesa la cui missione principale sarebbe quella della promozione sociale, ad una Chiesa della predicazione e della verità, ad una Chiesa dedita alla preghiera e alla difesa della dottrina e della morale”.

Il Cardinale Sarh ha poi ricordato che “Papa Francesco ci riporta ad una visione integrale della povertà. Il primo riferimento per un Cristiano per capire la povertà infatti è Cristo, che si è fatto povero per arricchirci della sua povertà – ha detto – Così recita il titolo del nostro Messaggio, tratto dalla Seconda Lettera ai Corinzi. La scelta della povertà da parte di Cristo ci suggerisce che esiste una dimensione positiva della povertà, che peraltro risuona anche nel Vangelo, che proclama Beati i poveri”.

“Non pensiamo di mettere a posto le nostre coscienze borghesi, vuole dire il Papa, denunciando la mancanza di beni di altri o denunciando la povertà come sistema. La povertà – ha concluso il Cardinale africano, tocca la profondità del cuore umano: come Cristo è sceso dal suo trono regale per compiere la volontà del Padre e venire così incontro ai suoi fratelli bisognosi di salvezza, così il Cristiano entra in una dinamica di povertà e di dono, perché è ricco del fatto di essere figlio di Dio”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login