Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Rylko: Gmg di Cracovia sarà Giubileo dei Giovani

Edizione del: 28 luglio 2015

Rylko“La Gmg di Cracovia sarà un vero e proprio Giubileo dei giovani a livello mondiale”, è quanto scrive il Cardinale Stanislaw Rylko, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, in un messaggio ad un anno dalla Giornata Mondiale della Gioventù, la seconda in Polonia dopo quella del 1991 celebrata a Częstochowa.

A Cracovia, sottolinea il Porporato, “i giovani saranno chiamati a riflettere sul tema della misericordia come un ideale di vita e come criterio di credibilità per la nostra fede”.

Da Cracovia, soggiunge, “dovrà diffondersi nel mondo intero il messaggio, carico di speranza, dell’amore misericordioso di Dio per ogni uomo della terra”.

Centro spirituale di questo Giubileo dei Giovani, scrive il Cardinale Rylko, “sarà il Santuario della Divina Misericordia e di Santa Faustina Kowalska, Apostola della Divina Misericordia, inaugurato da San Giovanni Paolo II nel 2002”.

Nel Santuario, evidenzia, “sarà allestito anche un grande ‘Centro della Misericordia’ con numerosi confessionali dove i giovani avranno la possibilità di accostarsi al sacramento della riconciliazione in diverse lingue”.

Anche nella Gmg di Cracovia, nel luogo del grande raduno conclusivo dei giovani denominato Campus Misericordiae, informa il Porporato polacco, “sarà allestita una simbolica Porta Santa, quale segno visibile del carattere giubilare dell’evento”.

Francesco, accompagnato da alcuni giovani, varcherà questa Porta all’inizio della Veglia di Preghiera di sabato 30 luglio, Veglia che culminerà con l’Adorazione Eucaristica.

Infine, domenica 31 luglio, dopo l’Eucaristia, il Papa consegnerà a 5 coppie di giovani dei 5 continenti delle lampade accese, simbolo del fuoco della misericordia portato da Cristo, e invierà i giovani in tutto il mondo come testimoni e missionari della Divina Misericordia.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login