Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Piovanelli commenta letture domenica

Edizione del: 4 ottobre 2013

Commento del Cardinale Silvano Piovanelli

alle letture di Domenica  6 ottobre 2013

Abacuc 1, 2-3; 2, 2-4    /    2 Timoteo 1, 6-8. 13-14   /   Luca 17, 5-10

 

  • ABACUC

Fino a quando, Signore, implorerò aiuto e non ascolti, a te alzerò il grido: “Violenza!”  e non salvi ? Perché mi fai vedere l’iniquità e resti spettatore dell’oppressione? Ho davanti a me rapina e violenza e ci sono liti e si muovono contese. Il Signore mi rispose e mi disse: “Scrivi la visione e incidila bene sulle tavolette, perché la si legga speditamente. È una visione che  attesta un termine, parla di una scadenza e non mentisce; se indugia, attendila, perché certo verrà e non tarderà. Ecco, soccombe colui che non ha l’animo retto, mentre il giusto vivrà per la sua fede.

            PAROLA  DI  DIO

 Abacuc è contemporaneo del profeta Geremia. La situazione sociale, politica e religiosa in cui vivono è la stessa. Nel paese regna l’iniquità [Non la verità, ma la menzogna domina nella terra. Passano da un delitto all’altro e non conoscono me – Ger 9,2-5; dal piccolo al grande tutti commettono frode; dal profeta al sacerdote tutti praticano la menzogna – Ger 8,10].  Il re è un imbelle, ama il lusso, sfrutta gli operai per costruire il suo palazzo, non tutela la causa del povero (Ger 22, 13-17). Le ingiustizie, le prevaricazioni, i soprusi sono sotto gli occhi di tutti e – questo è veramente scandaloso! – Dio lascia correre.

Il profeta Abacuc ingaggia un dibattito con Dio  (“Fino a quando, Signore, implorerò aiuto e non ascolti? A te alzerò il grido ‘Violenza’ e non salvi ? Perché mi fai vedere l’iniquità e resti spettatore dell’oppressione?”.

Certamente Israele è colpevole di aver tradito l’alleanza con Dio e quindi merita il castigo. Ma i nemici sono invasori pagani nient’ affatto migliori: al contrario! essi non meritavano la vittoria. Dal momento che essi non sono dalla parte di Dio, perché Dio ha loro permesso di trionfare? Lo stato del mondo non è più sopportabile ed è insopportabile che Dio stia soltanto a guardare!

La risposta è sorprendente: Dio non dà alcuna spiegazione, chiede solo fiducia incondizionata.

A breve termine non ci sarà nulla, non ci saranno cambiamenti immediati. Ma la punizione dei malvagi verrà a suo tempo: per il trionfo dei cattivi c’è “un termine”,  per “l’oppressione” è assicurata “una scadenza”.  L’impegno attuale del giusto è di credere alla promessa di Dio: “scrivi la visione” e “incidila bene sulle tavolette perché la si legga speditamente” .

Il celebre versetto  quarto del secondo capitolo (“Soccombe colui che non ha l’animo retto, mentre il giusto vivrà per la sua fede”) è il testo tematico della lettera ai Romani (1,17:  nel Vangelo “si rivela la giustizia di Dio, da fede a fede, come sta scritto: il giusto per fede vivrà”) e della lettera ai Galati (3,11: “Che nessuno sia giustificato davanti a Di per la Legge risulta dal fatto che il giusto per la fede vivrà”) ed esprime la teologia della storia elaborata dalla profezia: l’empio pone tutta la sua fiducia nel potere, che  davvero  è una realtà fragile e inconsistente, e mostrerà presto la sua inconsistenza; il giusto confida nel potere di Dio, si appoggia su una realtà nascosta ma ferma, perciò avrà la vita in pienezza.

Il grande teologo protestante Karl Barth, commentando la lettera ai Romani, scrisse: “ anche quando la vita sembra riservare solo sventure, l’uomo che crede è come un prigioniero che diventa sentinella”:  “se la scadenza indugia, attendila, perché certo verrà e non tarderà”.

 

  • SECONDA A TIMOTEO

Figlio mio, ti ricordo di ravvivare il dono di Dio, che è in te mediante l’imposizione delle mie mani. Dio infatti non ci ha dato uno spirito di timidezza, ma di forza, di carità e di prudenza. Non vergognarti dunque di dare testimonianza al Signore nostro, né di me, che sono in carcere per lui; ma, con la forza di Dio, soffri con me per il Vangelo. Prendi come modello i sani insegnamenti che hai udito da me, con la fede e l’amore, che sono in Cristo Gesù. Custodisci, mediante lo Spirito Santo che abita in noi, il bene prezioso che ti è stato affidato.

            PAROLA  DI  DIO

 

La seconda lettera a Timoteo si presenta come il testamento spirituale di Paolo. L’apostolo  che si trova in carcere in attesa di essere condannato, vedendo ormai prossima la sua fine [io sto già per essere versato in offerta ed è giunto il momento che io lasci questa vita – 4,6], consegna le sue ultime raccomandazioni al discepolo Timoteo, ricordandogli il dono che ha ricevuto per l’imposizione delle mani, dono  che  continuamente deve essere ravvivato.

Timoteo è un tipo timido e riservato – tanto che un giorno Paolo dovrà raccomandare ai Corinzi di non metterlo in soggezione (1Cor 16,10-11: Se verrà Timoteo, fate che non si trovi in soggezione presso di voi: anche lui infatti lavora come me per l’opera del Signore. Nessuno dunque gli manchi di rispetto; al contrario congedatelo in pace, perché ritorni presso di me ) –  perciò gli ricorda che ha ricevuto    “non uno spirito di timidezza, ma di forza, di carità e di prudenza” .  “Queste tre parole sono legate l’una all’altra: la forza si trova precisamente nell’amore, e questo non è estatico, ma sapiente e prudente, per combattere  significativamente contro potenze antidivine: questa forza dell’amore è l’arma del cristiano” (von Balthasar).

L’apostolo Paolo insiste ancora (vv.13-14): non soltanto non bisogna “vergognarsi della testimonianza da rendere al Signore nostro”, ma occorre soffrire per il Vangelo, conforme all’esempio di coloro che  anche in prigione mantennero la forza di soffrire per il Signore Gesù (Paolo sottolinea: “io sono in carcere per lui”).

Tutto ciò può essere considerato “la buona battaglia” (2Tim 4,7), di cui Paolo sta dando buon esempio e alla quale invita anche Timoteo: “con la forza di Dio soffri  con me per il vangelo”.

La lettera è indirizzata a Timoteo, ma è stata intesa, fin dai primi tempi, come rivolta anche all’intera comunità cristiana e, in particolare, ai suoi responsabili.

 

  • LUCA

In quel tempo, gli Apostoli dissero al Signore: “Accresci in noi la fede!”. Il Signore rispose: “Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe. Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola” ?  non gli dirà piuttosto: Prepara da mangiare, stringiti le vesti ai fianchi e servimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu” ?  Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti ? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare ”.

            PAROLA  DEL  SIGNORE

 

Il brano del Vangelo di Luca, proposto per questa Domenica,  non è tra i più facili. Sia la prima parte dove si parla della fede (vv 5-6), sia la sconcertante parabola del servo che rientra dal campo (vv 7-9), sono enigmatiche e sollevano interrogativi. Come il versetto conclusivo (v 10), nel quale anche i discepoli più fedeli sono chiamati “servi inutili”.

# Il  “loghion”  o “detto” di Gesù, è occasionato da una domanda spontanea degli apostoli: “Aumenta la nostra fede! “. Domanda più che naturale dinanzi alla totalità dell’impegno richiesto da Gesù: “chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo” (Lc.14,33); “ non potete servire a Dio e a mammona” (Lc.16,13); “se non ascoltano Mosè e i profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti sarebbero persuasi” (Lc.16,31). Domanda giustificata anche da quello che nel Vangelo immediatamente prima dice agli apostoli: “Se il tuo fratello commetterà una colpa, rimproveralo; ma se si pentirà, perdonagli. E se commetterà una colpa sette volte al giorno contro di te e sette volte ritornerà a te dicendo: “Sono pentito”, tu gli perdonerai” (Lc 17, 4).

Gesù risponde celebrando la incalcolabile forza della fede: essa infatti mette l’uomo in comunione con Dio rendendolo così partecipe della sua potenza. L’immagine usata da Gesù è vivacissima:  il gelso ha radici resistenti abbarbicate alla terra, le tempeste non lo possono sradicare. La fede autentica, anche se piccola come “un granellino di senapa”, può sradicarlo  e piantarlo nel mare.

Matteo e Marco non parlano di un albero, ma di una montagna che può essere spostata con la fede (Mt 17,29; Mc 11, 23), e questa doveva essere un’immagine più familiare e proverbiale, che viene usata anche da Paolo (1 Cor 13,2). Il messaggio è comunque lo stesso e può essere riassunto dalle parole di Gesù dinanzi al padre del ragazzo epilettico indemoniato: “Tutto è possibile a chi crede” (Mc 9,23).

La parabola di cui si serve Gesù  è provocatoria, quasi ci disturba, perché ci presenta Dio sotto l’aspetto di un padrone esigente e poco riguardoso della fatica dei suoi servi. Ma anche qui, come in tutte le parabole, quello che c’è da scoprire è il messaggio. Gesù non intende parlarci di Dio. Tanto è vero che Luca stesso (12,37) ci aveva riportato parole di Gesù che dicono esattamente il contrario: “Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità vi dico, si cingerà le sue vesti, li farà mettere a tavola e passerà a servirli”. Dunque la parabola di oggi serve a mettere in luce la figura del servo e farci comprendere che  nei confronti di Dio non ci possono essere pretese o calcoli, ma solo totale e prontissima disponibilità. Il rapporto Dio-uomo non è quello di un datore di lavoro e di un  salariato. L’uomo deve darsi a Dio con una dedizione libera da ogni calcolo. Bisogna donarsi a Dio con amore,  per amore. Fino in fondo. Felici di servirlo. Consapevoli che non si acquisiscono crediti, ma si risponde ad un amore che ci ha preceduto ed infinitamente ci supera.

# “Quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili(v 10). Questa espressione, già molto dura, è resa ancora più dura dal testo italiano che parla di “servi inutili”, mentre spesso diciamo che “Dio vuole aver bisogno di noi”  e forse qualcuno ricorda un vecchio film francese  dal titolo “Dio ha bisogno degli uomini”.

 La parola di Gesù può essere meglio compresa traducendola: “Siamo semplici servi; non abbiamo fatto che il nostro dovere”.

Siamo servi “inutili”, cioè servi  non indispensabili, non determinanti, non decisivi, non servi di cui Dio ha bisogno. Siamo tutti, invece,  servi che hanno bisogno di Dio.

Il Signore ci liberi  dall’autocompiacimento per la propria giustizia e dalla esibizione della propria condotta impeccabile. E faccia crescere in noi la consapevolezza che, dinanzi all’amore di Dio siamo sempre in debito: abbiamo ricevuto infinitamente di più di quello che noi restituiamo!

 Nello stesso modo – dice Mons. Gianfranco Ravasi – nella comunità cristiana nessuno deve esigere prestigio e dignità maggiore,  perché ha reso servizio:  ha fatto quello che doveva fare.

O Dio, fonte di ogni bene,

che esaudisci le preghiere del tuo popolo al di là di ogni desiderio e di ogni merito,

effondi la tua misericordia: perdona ciò che la coscienza teme

e aggiungi ciò che la preghiera non osa sperare.

O Padre, che ci ascolti se abbiamo fede quanto un granello di senape,

donaci l’umiltà del cuore, perché cooperando con tutte le nostre forze alla crescita del tuo regno,

ci riconosciamo servi inutili, che tu hai chiamato a rivelare le meraviglie del tuo amore.

Capita così frequentemente che trionfi  la violenza  (i mezzi della comunicazione sociale in questi tempi  sottolineano il drammatico fenomeno del femminicidio), ci sono soprusi e ingiustizie che sono sotto gli occhi di tutti.  Anche nella nostra esperienza personale tante cose rimangono senza un perché.

Dio  tace, non interviene, lascia correre.

Ai credenti  Dio non dà alcuna spiegazione, chiede solo fiducia incondizionata.

Perché non ripensare un vecchio proverbio popolare: “Dio non paga il sabato” ?

Hai il coraggio di ripetere, nella concretezza della tua vita giornaliera,  le parole di un vecchio e bravo prete fiorentino (don Cuba) che diceva: “Dio mi ama e tutto quello che mi capita è la cosa migliore per me” ?

Rileggi, al riguuardo, il versetto 28 dell’ottavo capitolo della lettera dell’apostolo  Paolo ai Romani.

Quanto l’apostolo Paolo  scriveva dal carcere al carissimo suo discepolo Timoteo, non potresti sentirlo rivolto personalmente a te:  “con la forza di Dio, soffri con me per il Vangelo” ?

Non scandalizzarti  delle difficoltà che trovi a vivere con coerenza la tua fede cristiana: sono il segno che sei sulla buona strada.

Il confine tra  non credere (apistìa), credere  poco (oligopistìa ) e credere  (pistis) attraversa il nostro cuore di persone chiamate ad un ininterrotto esodo dalla sponda del non credere e del credere  poco alla riva del credere con  intera fiducia. Una quasi impossibilità che non teme di farsi invocazione con le parole del padre del giovane epilettico indemoniato: “Credo; aiuta la mia incredulità”  (Mc 9,24), o con le parole degli apostoli riportate dal  Vangelo di oggi: “: “Accresci in noi la fede!”.

Non dovrebbe, questa preghiera, palpitare nel nostro cuore continuamente e più spesso risuonare sulle nostre labbra?

La fede autentica, anche piccola come un granello di senape, è capace di trasformare la nostra debolezza in una forza inimmaginabile, di cambiare la nostra vista corta e annebbiata in capacità di vedere chiaro e lontano , le nostre preoccupazioni e tristezze in una serena pace interiore e in gioia del cuore.

Ma la fede non è automatica, non è un diritto o una conquista, ma un dono da chiedere senza stancarsi.

La vita non è il tempo nel quale guadagniamo meriti per comprare il paradiso.  È piuttosto un cammino nel quale scopriamo che il Signore ci ama in modo indicibile, che accompagna ogni nostro passo e dà valore anche al più piccolo dei nostri pensieri , facendoci crescere nell’impegno a rispondere ad un Amore  che infinitamente ci supera  e sempre ci precede e ci aspetta .

Nella misura in cui cresce la consapevolezza che non è Dio ad aver bisogno di noi, ma noi di Lui, il nostro   cuore fa l’esperienza di un Amore che è così grande, presente, pronto, personale, fedele, che   sembra proprio che Dio non possa fare a meno di noi.  Tutto questo perché la gioia di Gesù sia in noi e la nostra gioia sia piena  (cf Gv 15,11). È questa l’acqua che può spengere la nostra sete, completamente.

       Silvano Card. Piovanelli
Arcivescovo Emerito di Firenze


Autore: 

Silvano Piovanelli, classe 1924, della diocesi di Firenze, sacerdote dal 1947, Vescovo dal maggio 1982, Arcivescovo di Firenze dal 1983, Cardinale dal maggio 1985, dal 1990 al 1995 è stato Vice Presidente della CEI. Dal 2001 al 2005 è stato Presidente della Federazione Italiana Esercizi Spirituali.

You must be logged in to post a comment Login