Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Pell: Ior non va chiuso

Edizione del: 1 luglio 2013

Il Cardinale George Pell, Arcivescovo di Sydney, parla della “grandissima riforma” che deve investire il Vaticano affrontando, tuttavia, “un problema alla volta”.

“Lo Ior non va chiuso, ma senz’altro va riformato. La linea è una: trasparenza. Già Papa Francesco ha fatto molto in questo senso. Adesso occorre continuare sulla medesima strada senza paura”.

La riforma più urgente è “quella degli uomini, nel senso che il punto determinante è la capacità e la competenza dei Capi dei vari ‘ministeri’ della Curia”, dice Pell, Membro del “Consiglio degli otto Cardinali” istituito dal Papa per supportarlo nell’azione di Governo della Chiesa e per studiare una riforma della Curia Romana.

“Poi viene la riforma della struttura, gli eventuali accorpamenti e quant’altro, ma prima servono gli uomini, perché il lavoro di Curia è delicato, da svolgere spesso in solitudine, non è semplice”.

Parlando del Conclave, dire che abbia perso il “partito romano” “è troppo. Credo però che ciò su cui, anche dentro la stessa Curia, sono consapevoli tutti, italiani compresi, è che occorre più universalità. Tutta la Chiesa deve essere rappresentata in Vaticano”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login