Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Maradiaga su Riforma

Edizione del: 9 ottobre 2013

Il Cardinale honduregno Oscar Rodriguez Maradiaga, Coordinatore del Consiglio degli 8 Cardinali che Papa Francesco ha istituito per essere coadiuvato nella Riforma della Costituzione Apostolica “Pastor Bonus2 sulla Curia Romana, afferma che “il nostro lavoro non sarà quello di emendare, di ritoccare la Pastor Bonus. C’è da fare un lavoro più profondo, che prenderà del tempo – non aspettatevi che si completi per l’anno futuro – anche perché vogliamo che, una volta che ci sia un progetto, su questo vengano ascoltate anche le voci di quelli che hanno esperienza in Curia”.

In un’intervista, all’indomani della visita fatta con il Pontefice ad Assisi e dopo i 3 giorni di Vertice in Vaticano, il Porporato spiega che “la prima cosa che ci ha chiesto il Santo Padre è di riflettere e proporre suggerimenti sul Sinodo dei Vescovi, in modo che possa lavorare con maggiore continuità e anche in modo interattivo, via Internet ad esempio”.

“Questo è interessante – sottolinea Maradiaga – perché la sinodalità è uno dei punti che dopo il Concilio Vaticano II non è stato molto sviluppato”.

A proposito della figura ipotizzata del “Moderator Curiae”, il Cardinale latino-americano spiega che “si tratta di una idea sorta nelle riunioni di pre-Conclave appunto per aiutare la Segreteria di Stato nello svolgere i suoi tanti compiti. Come questa figura potrà eventualmente essere definita – aggiunge – è presto per dirlo”.

Per quanto riguarda la possibilità di accorpamenti di Dicasteri, Maradiaga risponde che “nel pre-Conclave c’erano voci in questo senso. Ma è ancora presto per poter dire quali accorpamenti ci potranno essere”.

In particolare, tempo fa si era parlato di accorpare gli Enti economico-finanziari Vaticani: “Sì – conferma Maradiaga -, si era parlato di creare una specie di ‘Ministero delle Finanze’ Vaticano. Ma noi non siamo entrati ancora in questi temi. Al riguardo aspettiamo i risultati delle 2 Commissioni Referenti istituite dal Papa”.

Su lo Ior “c’è chi pensa che sarebbe meglio trasformarlo in una banca etica. Però, ripeto – aggiunge il Coordinatore del Consiglio degli 8 Cardinali -, dobbiamo aspettare il risultato delle Commissioni Referenti, una delle quali ha per oggetto proprio lo Ior”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login