Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Coccopalmerio su legge omofobia

Edizione del: 22 settembre 2013

Il Cardinale Francesco Coccopalmerio, Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi in merito alla legge italiana sulla omofobia recentemente approvata dalla Camera dei Deputati teme “una legge che dovesse dire che tutti dobbiamo pensare e comportarci come se l’omosessualità fosse positiva”.

“Ben venga una legge sull’omofobia – sottolinea il Porporato - ma dovrebbe avere queste chiare e indiscutibili precisazioni: chiunque discrimina le persone certamente può essere considerato omofobo ma, penso al matrimonio omosessuale, non si consideri omofobo chi non considera giusto il matrimonio omosessuale e agisce in modo diverso”.

“Nel pieno rispetto delle persone – infatti – la Chiesa dice che si tratta di qualcosa di non corretto”.

“Per la Dottrina Cattolica il comportamento omosessuale è negativo da un punto di vista oggettivo”, ha spiegato il Porporato, però, ha tenuto a chiarire, “la persona omosessuale ha tutto il nostro rispetto e la nostra comprensione”.

“Noi cattolici – ha scandito Coccopalmerio – siamo assolutamente non omofobi nei confronti delle persone. Ma non possiamo dire che un certo modo di vivere la sessuale sia qualcosa di corretto o proposto dalla Dottrina Cristiana o dalla fede”.

Il Cardinale ha citato in proposito una presa di posizione che stanno per pubblicare i Giuristi Cattolici italiani.

“Bisogna distinguere – ha concluso – tra omofobia e giudizio etico. Il Magistero della Chiesa è stato sempre molto esplicito su questo, anche recentemente nella prolusione del Presidente della Cei, Cardinale Angelo Bagnasco, alla Settimana Sociale di Torino”.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login