Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Coccopalmerio: dare risposte a povertà

Edizione del: 4 luglio 2013

Il Cardinale Francesco Coccopalmerio, Presidente del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi, aprendo i lavori del seminario su “Povertà, beni pubblici e sviluppo sostenibile” ospitato dalla Pontificia Accademia delle Scienze in Vaticano e organizzato dall’Aises, Accademia Internazionale per lo Sviluppo Economico e Sociale, e dalla Onlus Greenaccord, ha ricordati che “la povertà è una delle grandi sfide del nuovo millennio”.

Coccopalmerio osserva che “tante belle aspirazioni, tanti programmi, tanti impegni formali da parte di Organizzazioni Mondiali e Nazioni, sono rimasti solo aspirazioni a cui tendere. La povertà, complice anche la crisi economica, aumenta e pone a tutti noi interrogativi di tipo sociale, di tipo economico, di giustizia e, non ultimo, di carattere morale”.

Si chiede infatti il Porporato: “E’ un mondo più giusto e più equo quello che si dimentica di una larga parte dell’umanità ed è incapace di un uso razionale e sostenibile delle risorse, di una migliore distribuzione dei beni della Terra, di prendere decisioni lungimiranti per arginare gli effetti del cambiamento climatico, che produce effetti devastanti proprio sui territori più a rischio povertà?”.

Quello della povertà, sottolinea il Cardinale Coccopalmerio, “è un tema universale, che si intreccia con altri temi interdipendenti: la cura dell’ambiente, la sostenibilità urbana, la sostenibilità energetica, la crescita economica che deve essere guidata da criteri nuovi, il consumo di suolo che vede tanti edifici vuoti e inutilizzati, a fronte di tante nuove costruzioni spesso realizzate in aree a rischio”.

La speranza è che il Pontificato di Papa Francesco rappresenti un pungolo in più per affrontare il tema della povertà: “Egli è convinto che sia una sfida anche per la Chiesa stessa – sottolinea il Cardinale – Sobrietà e capacità di ascolto delle esigenze dei meno fortunati – conclude Coccopalmerio – devono essere le linee guida del comportamento dei Cristiani”.

You must be logged in to post a comment Login