Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Card. Betori su Crocifisso all’Università

Edizione del: 16 maggio 2013

Nell’Aula Magna dell’Università di Firenze c’era un Crocifisso, adesso, dopo i lavori di ristrutturazione il simbolo religioso è scomparso e a deciderlo sarebbe stato il Rettore Alberto Tesi.

A darne notizia è stato il Corriere Fiorentino che cita anche fonti del Rettorato secondo le quali Tesi “ha ritenuto opportuno che l’Aula Magna, sempre più luogo di incontro e confronto, non preveda la presenza di simboli confessionali”.

Duro il commento del Cardinale Arcivescovo della città, Giuseppe Betori: “Se i Crocifissi danno fastidio negli spazi laici della cultura, verrebbe voglia di riprenderli, con Madonne e Santi, da Uffizi e altri Musei”.

E per farlo il Cardinale Giuseppe Betori ha postato il suo commento su Twitter.

Non solo, dopo qualche minuto Betori ha twittato un altro messaggio: “Una mostra come quella della Biblioteca Nazionale su Camaldoli evidenzia come il Crocifisso sia sorgente e non ostacolo alla cultura”.

La decisione, che non sarebbe stata preceduta da discussioni nel Consiglio di Amministrazione dell’Università o nel Senato Accademico, ha suscitato la reazione del Mcl di Firenze secondo cui “togliere il Crocifisso dall’Aula Magna dell’Università rappresenta un gesto sciocco quanto inutile. Ci domandiamo se questo contribuirà ad un miglioramento dell’offerta formativa di un Ateneo che sta perdendo iscritti”, aggiunge il Mcl chiedendosi se ora il Rettore “chiederà al Comune di cambiare nome alla Piazza che ospita la Sede dell’Università”, cioè Piazza San Marco, per evitare “turbamenti nelle coscienze dei suoi studenti”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login