Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Camerun: rapito Missionario

Edizione del: 16 novembre 2013

Un Missionario francese,  Padre George Vandenbeusch, parroco a Nguetchewe, nel Nord del Paese, a soli 30 km dal confine con la Nigeria, è stato sequestrato nell’estremo nord del Camerun, dove a febbraio era stata presa in ostaggio un’intera famiglia di connazionali.

Lo comunica il Ministero degli Esteri di Parigi, secondo cui il rapimento sarebbe avvenuto nel circondario di Koza, pochi chilometri a est della frontiera con la Nigeria.

La zona era stata segnalata come estremamente pericolosa per gli stranieri.

“Padre George aveva nondimeno scelto di rimanere nella sua parrocchia per continuare a svolgere il proprio lavoro”,  precisa una nota del Ministero.

Nella povera e remota parrocchia di Nguetchewe il prete francese prestava assistenza a circa 10.000 rifugiati nigeriani scappati in Camerun.

Secondo alcuni testimoni locali padre Georges è stato portato via “scalzo e messo in sella ad una motocicletta guidata da un rapitore, partita in direzione del territorio nigeriano”.

In una lettera pubblicata lo scorso settembre sul blog della parrocchia Saint Jean Baptiste de Sceaux, Hauts de Seine, periferia di Parigi, padre Georges raccontava “delle gravi ripercussioni sociali ed economiche dei combattimenti nella confinante Nigeria, dove l’esercito bombarda i rifugi di Boko Haram. Tranne il rapimento della famiglia Moulin-Fournier, vi voglio rassicurare sul fatto che qui la sicurezza è buona” affermava il prete.

“Il Camerun – aggiungeva – serve da rifugio agli islamisti ricercati. Per ora non hanno rivendicazioni né lotte da portare avanti qui, base troppo preziosa per loro”.

Nel 2008, secondo quanto ha riferito Radio Vaticana,  alcuni banditi avevano attaccato la parrocchia di Nguetchewe, rubando denaro e altri beni ma senza rapire nessuno dei presenti, motivo per cui le fonti religiose locali pensavano a “semplici criminali”.

Il rapimento degli altri 7 civili era stato rivendicato dal Movimento Jihadista nigeriano Boko Haram e la famiglia, 3 adulti e 4 bambini catturati durante un’escursione turistica, era stata liberata dopo 2 mesi nella vicina Nigeria.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login