Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Brasile: 10 anni fa l’assassinio di Suor Dorothy Stang

Edizione del: 17 febbraio 2015

Suor StangLa Chiesa in Brasile ha ricordato il 10mo anniversario della morte di Suor Dorothy Stang e la sua dedizione all’evangelizzazione dei popoli dell’Amazzonia.

“La sua azione umile, silenziosa e quasi isolata, si moltiplica adesso in ogni angolo del Brasile, conquistando i cuori e le menti di tante persone, e va oltre le dimensioni del mondo e del tempo” ha detto il Vescovo brasiliano di Balsas, Maranho, e Presidente della Commissione Pastorale della Terra, Cpt, Mons. Enemésio Ângelo Lazzaris.

La celebrazione si è svolta a San Rafael in Anapu, dove si trova la tomba della missionaria.

Suor Dorothy Stang, 73 anni, nata negli Stati Uniti d’America e naturalizzata brasiliana, della Congregazione di Notre Dame è stata uccisa la mattina del 12 febbraio 2005 con 6 colpi sparati a bruciapelo in una località a 40 km dal comune di Anapu, nella regione occidentale dello stato del Parà (Brasile).

Da più di 20 anni la Religiosa era impegnata nella Commissione Pastorale della Terra, Cpt, accompagnando con fermezza e passione la vita dei lavoratori dei campi, specie nella regione Transamazzonica dello Stato del Parà.

A causa della sua denuncia dell’azione violenta dei “fazendeiros e grileiros”, Suor Dorothy sin dal 1999 aveva ricevuto numerose minacce di morte.

Il 12 febbraio scorso, anche il Vescovo della Prelatura di Xingu e Presidente del Consiglio Indigenista Missionario, Mons. Erwin Kräutler, ha presieduto la Messa in suffragio di Suor Dorothy.

“Quando è stato seppellito il corpo di Suor Dorothy, nel febbraio 2005, abbiamo ripetuto molte volte: ‘non stiamo seppellendo Suor Dorothy, ma stiamo piantando un seme’. Ella è un seme che porterà molto frutto. Vogliamo celebrare questi frutti e i nuovi semi che questi frutti stanno dando” riporta la nota della Prelatura di Xingu.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login