Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Bilancio Vaticano ok ma cala Obolo

Edizione del: 5 luglio 2013

In attivo il Bilancio consuntivo consolidato della Santa Sede per l’anno 2012, ma in calo le donazioni dell’Obolo di San Pietro, anche se i conti del Governatorato Vaticano risultano ancora in utile.

Questa, in sintesi, la fotografia dal punto di vista economico, della Santa Sede secondo quanto emerge dai dati del bilancio consuntivo consolidato e del bilancio consuntivo del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano per l’anno 2012.

Un andamento di bilancio positivo che si chiude per il piccolo Stato con un utile di 2.185.622 euro, grazie soprattutto al “buon rendimento della gestione finanziaria”.

Tra i capitoli di spesa più impegnativi si annoverano quelli relativi al costo del personale che, al 31 dicembre, contava 2.823 unità, ai mezzi di comunicazione sociali, considerati nel loro complesso ed al pagamento delle nuove tasse che gravano sugli immobili, Imu, risultate in aumento per 5.000.000 di euro rispetto al passato, si è passati da un totale di 10 mln di euro a 15 mln.

Per quanto riguarda il Governatorato, che provvede alle necessità relative alla gestione dello Stato Vaticano, il consuntivo 2012, si è chiuso, pur nel momento di crisi, con un attivo di 23.079.800 euro, in aumento di più di un milione di euro rispetto a quello dell’anno precedente.

L’Obolo di San Pietro, cioè le offerte dei fedeli a sostegno della carità del Papa, ha visto un decremento, invece da 69.711.722,76 USD del 2011, a 65.922.637,08 USD.

In calo anche le donazioni che provengono dalle diverse diocesi di tutto mondo per il mantenimento del servizio che la Curia Romana presta alla Chiesa universale.

Queste sono passate da 32.128.675,91 UDS, del 2011, a 28.303.239,28 USD, con un calo dell’11,91%.

Gli ulteriori contributi alla Santa Sede da parte degli Istituti di Vita Consacrata, Società di Vita Apostolica e Fondazioni sono passati da 1.194.217,78 USD, del 2011, a 1.133.466,91 USD, con un calo del 5,09%.

Complessivamente vi è stato un decremento del 7,45% rispetto al totale, espresso in Dollari Usa, del 2011.

Anche l’Istituto per le Opere di Religione, Ior, come ogni anno, ha contribuito in modo “significativo” ai bilanci della Santa Sede.

Per l’esercizio 2012 si è trattato di 50.000.000 di euro ai quali vanno aggiunti 1.000.000 di euro per il Fondo Amazzonia, 1.500.000 euro per il Fondo Pro Orantibus, sostegno ai Monasteri di Clausura, 1.500.000 euro per il Fondo San Sergio, sostegno alle Chiesa dell’ex Unione Sovietica, e 1.000.000 euro per la Commissione per l’America Latina, ed altre elargizioni di minore entità.

You must be logged in to post a comment Login