Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Biennale: prima volta del Vaticano

Edizione del: 2 giugno 2013

Un lieve scarto spaziale tra i tre pannelli su cui è posata la “Trilogia” di Tano Festa che cita la Creazione di Adamo della Cappella Sistina di Michelangelo, dà il segno ideale dei tre momenti che compongono la mostra “In Principio”, nel Padiglione della Santa Sede, alla 55ma Biennale d’Arte, a Venezia.

E’ la prima volta che il Vaticano partecipa alla Biennale e l’esposizione è ispirata ai primi 11 capitoli del racconto biblico della Genesi.

Un titolo scelto dal Commissario, il Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, che ha ideato e promosso il progetto, coordinato da Antonio Paolucci.

I tre lavori di Festa fanno d’apertura a un Padiglione che vede protagonisti il gruppo di “Studio Azzurro”, il fotografo ceco Josef Kuodelka e l’australiano Lawrence Carroll, da tempo residente anche in Italia.

Inutile cercare elementi che possano richiamarsi direttamente a simboli o iconografie liturgiche, a fare da filo conduttore è altro: l’uomo, l’ambiente, il recupero dei materiali attraverso una loro rigenerazione.

Nella videoinstallazione interattiva realizzata da “Studio Azzurro”, impegnato a confrontarsi con “La Creazione”, è proprio l’uomo a essere in posizione centrale. Koudelka, in “De-Creazione”, racconta “la contrapposizione dell’uomo al mondo e alle sue leggi, morali e naturali, e la distruzione materiale derivante dalla perdita di senso etico”.

La sequenza di foto appoggiate a terra è quanto mai suggestiva e forte.

A Carroll il compito di ridare voce alla speranza presente nella “Ri-Creazione” e potenti sono le opere, nate da materiali di recupero, presentate nella piccola sala.

“Alla fine – come rileva Pasquale Iacobone, del Comitato Scientifico – tesi e proposte sono molto puntuali. Non è un padiglione dispersivo; anzi, focalizza presenze e messaggi”.

A titolo di curiosità, la prima partecipazione del Vaticano a Rassegne Internazionali risale al 1851 a Londra per l’Esposizione Universale.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login