Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

BBC: Squadra vaticana di cricket

Edizione del: 3 gennaio 2014

Che Papa Francesco fosse uno sportivo lo sapevamo già, da ragazzo giocava a basket, che fosse tifoso della squadra di Buenos Aires, il San Lorenzo da poco vincitore del campionato locale pure, ma che dal mese di ottobre, probabilmente su suo suggerimento, in  Vaticano sia stata costituita una squadra di cricket è una notizia che giunge fresca fresca dalla BBC.

Lo Stato del Vaticano, secondo quanto riferisce l’emittente inglese, possiede ora il primo club di cricket della sua storia.

Essendo uno sport non proprio popolare in Italia, sono stati reclutati preti o Seminaristi-giocatori provenienti da paesi dove il cricket è lo sport nazionale, paesi come India, Pakistan, Bangladesh, Australia, Nuova Zelanda, Inghilterra.

Già pronta anche una competizione singolare, come l’ha definita la stampa inglese, il The Holy War, la Guerra Santa, in programma a settembre, per raccogliere fondi per beneficenza, tra Chiesa Cattolica e Chiesa Anglicana.

Le 2 Chiese hanno infatti convenuto di partecipare ad una partita amichevole dopo quasi 500 anni dalla separazione per lo strappo di Enrico VIII.

L’invito del Vaticano, formulato per conto di Papa Francesco, che conosceva il cricket giocato nelle scuole dei Gesuiti in Argentina, da Padre Eamonn O’Higgins, è stato subito raccolto, a nome dell’Arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, dall’Arcivescovo neozelandese David Moxon.

Già questo sport si è rivelato in questi anni un veicolo per un Dialogo Interreligioso, le squadre sono composte da giocatori Musulmani, Sikh, Buddisti .., e ora il cricket anche come nuovo strumento di Dialogo Ecumenico tra Cattolici e Anglicani.

Il Cardinale Ravasi, all’atto della costituzione della squadra, ha elogiato l’impresa parlando di “espressione di inter-culturalità” e di “dialogo tra i popoli”.


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login