Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Bangladesh: nuova parrocchia a Kodbir

Edizione del: 27 novembre 2013

Grande festa per l’erezione a parrocchia del Sotto Centro di Kodbir nel Bangladesh.

Padre Michele Brambilla, Missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere racconta l’emozione e la gioia della popolazione locale, di etnia Santal.

L’Arcivescovo George Kocherry, il nuovo Nunzio Apostolico in Bangladesh, ha presieduto la liturgia, invitando i fedeli a “pregare per le vocazioni” e a “non ostacolare una chiamata da parte del Signore”.

Oltre all’ospite d’onore, l’Arcivescovo George Kocherry, Nunzio Apostolico in Bangladesh erano presenti il Vescovo diocesano, Mons. Sebastian Tudu e il Superiore del Pime in Bangladesh Padre Franco Cagnasso,  accolti dal parroco, 40 sacerdoti, Suore e fedeli della parrocchia di Dhanjuri a cui il Sotto Centro faceva riferimento.

Loro hanno accompagnato gli ospiti per un pezzo di strada e poi hanno consegnato il Sotto Centro nelle mani del Vescovo.

Con danze Tribali gli ospiti sono stati accompagnati fino al palco dove è avvenuta l’accoglienza secondo le tradizione Santal, Lavanda dei Piedi e dono di una ghirlanda di fiori.

Al termine  il Nunzio ha chiesto di parlare alla gente e alla fine del suo intervento ha donato alla comunità il  calice e la patena con è stata celebrata la S. Messa.

Calice dono del Santo Padre che è a conoscenza della erezione della nuova parrocchia.

Durante l’omelia il Nunzio ha ricordato il cammino di conversione di San Paolo, la sua fede e il lavoro di evangelizzazione da lui svolto. Ha ricordato anche l’importanza della famiglia e del ruolo fondamentale che ha all’interno della società terminando poi con un invito a pregare per le vocazioni in particolare per la nostra diocesi e invitando i genitori a non ostacolare una chiamata da parte del Signore ai loro figli.

Dopo l’omelia il Cancelliere diocesano Padre Marcus Murmu ha letto il Decreto di Erezione della parrocchia che prende il nome di Conversione di San Paolo Apostolo.

A seguire la consacrazione della chiesa e la benedizione della statua di San Paolo posta all’ingresso della chiesa stessa.

Al termine della celebrazione tutti i fedeli hanno ricevuto una immaginetta raffigurante San Paolo a ricordo di questa storica giornata.

Dopo il pranzo uno spettacolo di danza e canti preparato dai giovani di diversi villaggi ha intrattenuto i numerosi presenti per circa 2 ore.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login