Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Avvocati e Giudici su nullità Matrimonio

Edizione del: 21 settembre 2013

Stop agli abusi negli annullamenti matrimoniali.

Duecentocinquanta operatori dei Tribunali Ecclesiastici -  Giudici, Difensori del Vincolo, Vicari Giudiziali, Avvocati – provenienti da decine di Nazioni dei 4 Continenti – tra cui Italia, Spagna, Stati Uniti, Messico, Cile, Argentina, Svezia, Ucraina, Filippine – si sono dati appuntamento a Roma per 4 giorni per partecipare al corso di aggiornamento in Diritto Matrimoniale e Processuale Canonico  organizzato dalla Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università della Santa Croce.

“Nella Chiesa dei nostri giorni, – ha evidenziato il Professor Hector Franceschi, Ordinario di Diritto Matrimoniale Canonico alla Santa Croce – la situazione dei divorziati e risposati civilmente si presenta come una vera sfida Pastorale. Come ben sappiamo, questo fenomeno è dilagante nella Chiesa e pone non pochi problemi. Le soluzioni proposte sono state le più svariate, da quelle più rigorose del secolo scorso, secondo alcune delle quali le persone in queste situazioni erano considerate quasi come scomunicati ed estranei alla comunità Ecclesiale, alle proposte degli ultimi anni che – con la scusa di un atteggiamento più ‘Pastorale’ – finiscono per negare il principio fondamentale dell’indissolubilità del matrimonio”.

L’Esperto di Diritto Canonico ha avvertito che “un atteggiamento veramente Pastorale e di misericordia, che stia attento a scoprire la realtà della situazione dei fedeli attraverso l’accoglienza fraterna, il dialogo, l’amore alla verità e l’accompagnamento, porta invece a stabilire un primo e fondamentale criterio di distinzione delle situazioni matrimoniali irregolari: la possibilità di essere ‘sanate’, vale a dire, riconosciute come valide dalle legittime Autorità della Chiesa, sia mediante la sanazione in radice, sia attraverso la celebrazione del matrimonio nella forma Canonica, sia, in alcuni casi, con la dichiarazione di nullità di un’unione precedente, quando venga provata con un regolare processo”.

Obiettivo dell’iniziativa quello di offrire gli sviluppi delle norme e della giurisprudenza relativi al processo di dichiarazione della nullità del matrimonio e ad altri rilevanti settori d’attività dei Tribunali.

Tra gli argomenti discussi anche la questione dei divorziati risposati, con riferimento alle parole di Papa Francesco nel viaggio di rientro dal Brasile.

Si è parlato inoltre di mentalità divorzistica ed esclusione dell’indissolubilità, di aspetti operativi nella celerità delle cause di nullità matrimoniale, dei problemi interpretativi sulla questione dell’ incapacità consensuale, se può esistere un matrimonio sacramentale senza fede, degli sviluppi recenti in tema di processi e procedure penali, e del riconoscimento civile delle sentenze canoniche.

Nella foto Giudici della Sacra Rota in udienza dal Papa.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login