Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Assisi: Papa a Istituto Serafico

Edizione del: 3 ottobre 2013

 l’Istituto Serafico da dove Papa Francesco comincerà domani  la sua visita ad Assisi è un Centro specializzato nella riabilitazione e inserimento sociale di persone con grave disabilità plurima di tipologia sensoriale fisica e mentale,“Una Cattedrale vivente” come amava definirlo l’ex Vescovo Monsignor Sergio Goretti.

Il Serafico è un luogo nel quale i giovani “vanno contro corrente e non si arrendono mai” ha detto la Presidente Francesca Di Maolo, “rappresenta un inno alla vita” ha aggiunto.

L’Istituto è un Ente Ecclesiastico, senza scopo di lucro, riconosciuto civilmente.

E’ ospitato in un vasto edificio in pietra rosa del monte Subasio, a pochi metri dalla Basilica di San Francesco.

Il panorama si apre sulla verde pianura dell’Umbria, nel cui cuore si erge la Basilica di Santa Maria degli Angeli.

E’ nato nel 1871 per opera del Francescano Beato Padre Ludovico da Casoria.

Il Serafico è accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale per trattamenti riabilitativi residenziali, semiresidenziali ed ambulatoriali.

Offre, inoltre, un servizio di diagnostica specialistica per valutazioni funzionali globali o per singola area di sviluppo.

L’Istituto ospita 70 ragazzi residenti, mentre 20 sono i semiresidenti.

Sessanta invece quelli che usufruiscono dei servizi ambulatoriali e circa 150 i giovani che ogni giorno sono presenti in Istituto.

Oltre un centinaio quelli che venerdì, accompagnati dagli operatori, saranno presenti nella Cappella dell’Istituto Serafico, insieme a Papa Francesco.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login