Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Arciv. Morosini: reagiamo a ‘ndrangheta

Edizione del: 11 settembre 2013

Si è insediato lunedì 9 settembre il nuovo Arcivescovo di Reggio Calabria. Mons. Giuseppe Fiorini Morosini.

Ad accogliere nella Cattedrale il Presule, accompagnato dall’Arcivescovo uscente, Mons. Vittorio Mondello, tantissimi fedeli e Autorità, tra gli altri il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, il Presidente del Consiglio Regionale Franco Talarico e il Procuratore della Repubblica Federico Cafiero De Raho.

Mons. Morosini, dopo avere ringraziato il suo Predecessore, nella sua prima omelia si è soffermato, tra l’altro, sui problemi della Chiesa e sulla secolarizzazione “situazioni che in Calabria – ha affermato – sono esasperate dalla depressione economica e sociale, e soprattutto dalla piaga della ‘ndrangheta. Di questi mali siamo in parte responsabili anche noi Cattolici. Da anni lo stiamo riconoscendo e siamo corsi ai ripari con interventi mirati da parte del Magistero dei Vescovi, con iniziative coraggiose da parte di preti e di laici, che molte volte hanno pagato di persona, ma soprattutto con il lavoro silenzioso svolto nelle parrocchie, del quale nessuno si accorge e sul quale i media non parlano perché disinteressati a capire la vera azione della Chiesa, ma a divulgare solo le notizie che fanno scalpore”.

“Nonostante questo sforzo pluridecennale – ha aggiunto il nuovo Presule – si attacca ancora la Chiesa rimproverandola di non fare abbastanza contro la ‘ndrangheta, quasi che responsabile della sua mancata sconfitta sia solo la Chiesa, che chiude occhi, che perdona, che scende a patti per i vantaggi economici che ne derivano. La Chiesa continuerà a dare il suo contributo in questa lotta, anzitutto allontanando ogni minimo dubbio di connivenza diretta o indiretta dei suoi rappresentanti con il malaffare. Nella formazione delle coscienze largo spazio deve essere dato alla legalità, al rispetto cioè delle Istituzioni e delle Leggi dello Stato, quando esse sono fondate sul diritto naturale e rispettano la vita e la dignità dell’uomo. Invito tutti, credenti e non credenti, ad una svolta di dignità. Reagiamo con forza alla ‘ndrangheta; denunciamola con coraggio, perché la paura è una catena per la nostra libertà, rifiutiamo con decisione i benefici che possiamo trarre dal suo aiuto e dal nostro silenzio”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login