Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Arciv. Chullikatt: garantire diritto di nascere

Edizione del: 28 ottobre 2013

L’Arcivescovo Francis Chullikatt, Osservatore Permanente della Santa Sede presso l’Onu, davanti al Comitato sulla Promozione e Protezione dei Diritti dei Bambini, riunito nell’ambito dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, a ribadito che a “ogni bambino deve essere garantito in primo luogo il diritto di nascere”.

E lo Stato ha il “dovere di adottare misure concrete per sostenere i genitori nel ruolo di crescere i loro figli”, “in condizioni di libertà e dignità”.

Monsignor Chullikatt punta il dito contro il Comitato, che ha travisato il testo della Convenzione Onu sui Diritti del Bambino, sottolineando che la diagnosi prenatale “per decidere se al bambino sarà permesso di nascere è incompatibile con la Convenzione stessa. Senza la vita, tutti gli altri diritti sono privi di significato”, afferma il Rappresentante della Santa Sede.

“Il feto – precisa – è un membro della nostra famiglia umana e non appartiene a nessuna sotto categoria di esseri umani”, cosi come indica il preambolo della stessa Convenzione riguardo i Diritti del Bambino “prima e dopo la nascita”.

Ne consegue, che a “ogni bambino deve essere garantito in primo luogo il diritto di nascere”, “senza discriminazione alcuna”, incluso “il sesso o la disabilità o politiche dettate dall’eugenetica”.

Quindi la diagnosi prenatale “per decidere se al bambino sarà permesso di nascere è incompatibile con la Convenzione”.

Richiama ancora il Presule gli Stati a “compiere passi concreti per sostenere i genitori nel ruolo di crescere i loro figli”, perché “a ogni bambino – prescrive la Convenzione – siano date opportunità e mezzi” “per consentire loro di sviluppare fisicamente, moralmente e socialmente in modo sano e normale e in condizioni di libertà e dignità”.

Un ruolo insostituibile quello della famiglia per proteggere i bambini, rivendica Monsignor Chullikatt, sottolineando come “povertà, disoccupazione, malattia, disabilità, difficoltà di accedere a servizi sociali a causa di discriminazioni ed esclusione” possano influenzare “la capacità dei genitori di prendersi cura dei propri figli” e così anche “disturbi mentali e di comportamento, conflitti, tossicodipendenze e violenze domestiche” possano indebolire “la capacità delle famiglie di fornire un ambiente armonioso e sicuro”.

Difendere dunque la responsabilità della famiglia e l’autonomia dei genitori nella crescita dei figli per difendere i diritti dei bambini.

Contesta con fermezza, l’Osservatore della Santa Sede, l’uso a sproposito da parte del Comitato di espressioni come “orientamento sessuale” e “identità di genere” e le raccomandazioni agli Stati di dare ai bambini un’educazione e indicazioni sulla “salute sessuale, sulla contraccezione e sul cosiddetto aborto sicuro”, senza il consenso dei genitori, di che ne fa le veci o tutori; di promuovere l’aborto come metodo di pianificazione familiare e di fornire informazioni o servizi di salute sessuale e riproduttiva senza tenere conto delle obiezioni di coscienza degli operatori.

“Tali raccomandazioni – denuncia il Presule – sono particolarmente riprovevoli. Nessun aborto è mai sicuro perché uccide la vita del bambino e danneggia la madre”.

Da qui l’esortazione alla Comunità Internazionale di sostenere i chiari principi di una della Convenzioni più ratificate – eppure cosi travisata – sui diritti del bambino.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login