Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Arciv. Aleppo: no segnali rassicuranti

Edizione del: 16 settembre 2013

L’Arcivescovo Armeno Cattolico di Aleppo, Boutros Marayati descrive, lo stato d’animo prevalente tra i Cristiani, nella regione in cui sono da mesi sotto assedio da parte delle forze anti-Assad.

“Da nessuno dei tanti gruppi che compongono le Milizie Ribelli, né da quelli del Fondamentalismo Islamista, né dagli altri, è mai arrivato un segno in grado di rassicurare i Cristiani: per questo adesso, se ci sarà una fase di tregua, i Cristiani penseranno soltanto a fuggire”.

Per Marayati, “la prospettiva di un attacco militare a guida Usa aveva alimentato in tutti nuovi motivi di paura. Si pensi a cosa può succedere se un missile colpisce un deposito di armi chimiche… Adesso quell’ipotesi sembra sospesa, ma tutto continua a apparire buio: questa guerra ha distrutto la Siria non solo nelle pietre e negli edifici, ma anche nei cuori. Non c’è più la speranza di tornare a convivere in pace, come accadeva prima”.

Papa Francesco “ha parlato forte e chiaro, ha detto quello che si doveva dire – sottolinea l’Arcivescovo Armeno Cattolico di Aleppo – ma quelli che hanno in mano le sorti della guerra preferiscono non sentire. La sensazione è che siamo tutti presi in un gioco più grande di noi: camminiamo nelle tenebre, non riusciamo a immaginare come finirà tutto questo. Ma continuiamo a pregare”.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login