Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Arc. Gaenswein svela Ratzinger segreto

Edizione del: 23 ottobre 2013

L’Arcivescovo Georg Gaenswein, Prefetto della Casa Pontificia e Segretario del Papa Emerito Benedetto XVI, in un intervista al quotidiano romano “Il Messaggero”, spiegando che non c’è “per nulla” il rischio di avere un Papa e un antipapa in Vaticano, afferma che “c’è un Papa regnante e un Papa Emerito. Chi conosce Benedetto XVI sa che questo pericolo non sussiste. Non si è mai intromesso e non si intromette nel Governo della Chiesa, non fa parte del suo stile. Il Teologo Ratzinger, inoltre, sa che ogni sua parola pubblica potrebbe attirare l’attenzione, e qualsiasi cosa dicesse verrebbe letta pro o contro il suo Successore. Quindi pubblicamente non interverrà. Per fortuna tra lui e Francesco c’è un rapporto di sincera stima e affetto fraterno”.

Gaenswein ricopre un ruolo senza precedenti a cavallo tra il vecchio e il nuovo Pontefice, “una bella sfida, ho avuto qualche difficoltà, qualche esperienza spiacevole riguardante incomprensioni e invidie; ma nel frattempo le onde si sono calmate”.

Gaenswein ricorda quindi il momento dell’annuncio della rinuncia di Papa Ratzinger, l’11 febbraio, “resta indelebile”, e la partenza dal Vaticano, il 28 febbraio: “Sono iniziati giorni difficili, non scorderò mai quando ho spento le luci dell’Appartamento Pontificio con le lacrime agli occhi, tutto il mese di marzo è stato duro, anche perché non si sapeva chi avrebbero eletto al Conclave”.

“Benedetto e Francesco – spiega comunque il Prelato che lavora con entrambi i Pontefici – sono persone con stili e personalità diversi. Qualcuno ha voluto interpretare tali differenze in modo antitetico. Ma non è così”.

Per questo, secondo Mons. Gaenswein, “parlare di rivoluzione mi sembra un facile slogan che alcuni mass media cavalcano volentieri”.

Infine Mons. Gaenswein è intervenuto sul caso Gotti Tedeschi, ovvero se  sia vero che Benedetto XVI fu tenuto all’oscuro della cacciata dell’allora Presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi: “Benedetto XVI che aveva chiamato Gotti allo Ior per portare avanti la politica della trasparenza, restò sorpreso, molto sorpreso”.

“Lo stimava e gli voleva bene, ma per rispetto delle competenze di chi aveva responsabilità scelse di non intervenire in quel momento, successivamente, per motivi di opportunità, anche se non ha mai ricevuto Gotti Tedeschi, ha mantenuto i contatti con lui in modo adatto e discreto”.

“Ricordo bene quel momento. Era il 24 maggio – ha aggiunto -. Quel giorno vi fu anche l’arresto del nostro Aiutante di Camera, Paolo Gabriele. Contrariamente a quello che si pensa non vi è nessun nesso tra i 2 eventi, semmai solo una coincidenza sfortunata, persino diabolica”.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login