Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Aodi: un Francesco per i Musulmani

Edizione del: 20 agosto 2013

Foad Aodi, Presidente di Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, e Comai, Comunità del mondo arabo in Italia, commentando le parole del Papa, che domenica 11 agosto all’Angelus ha lanciato un appello a Cristiani e Musulmani perché promuovano “il reciproco rispetto”, ha detto che anche nel mondo arabo servirebbe una personalità come Papa Francesco, che sappia “unire” e riportare “serenità”.

Aodi racconta che in questi giorni di vacanza molti parenti e amici gli hanno chiesto di Papa Francesco, che viene molto “apprezzato”.

“Il mondo arabo attraversa la fase più difficile della sua storia”, afferma il Presidente del Comai.

“Speriamo di poter trovare una personalità araba di alto spessore e alto profilo che possa fare quanto fa Papa Francesco in Occidente”, che sappia “unire e far ragionare il mondo arabo in modo che ritrovi serenità e identità”, aggiunge Aodi.

Quando si dimise Benedetto XVI, speravo “in un Papa arabo”, dichiara il Presidente del Comai, ma ora Papa Francesco “sta dando tutte le risposte che aspettavamo da anni, che vanno dritte al cuore”.

“La svolta è stata chiara fin dall’inizio, ogni giorno viene confermata la semplicità, la grande umanità e disponibilità di Papa Francesco verso tutte le religioni e verso il mondo Musulmano che aspettava da anni una svolta così forte”, continua Aodi che si dice “grato” dei messaggi del Papa e ricorda la sua recente visita a Lampedusa.

You must be logged in to post a comment Login