Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

Al Patriarca Bartolomeo la laurea Honoris Causa in “Cultura dell’unità”

Edizione del: 26 ottobre 2015

Bartolomeo IVerrà assegnato al Patriarca Ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, il primo Dottorato Honoris Causa in Cultura dell’Unità dell’Istituto Universitario Sophia, il giovane Centro Accademico con sede a Loppiano (Firenze) fondato da Chiara Lubich per affrontare con pertinenza e incisività la transizione culturale in atto.

Il conferimento avrà luogo oggi, lunedì 26 ottobre alle 17 all’Auditorium del Centro Internazionale dei Focolari.

Pioniere del dialogo ecumenico e costruttore di pace, il Patriarca è figura di riferimento nel complesso panorama contemporaneo.

Bartolomeo I è anche noto come Leader spirituale del Movimento Cristiano per l’Ambiente.

Il suo pensiero è stato riportato ampiamente da Papa Francesco nell’Enciclica Laudato Si’.

Il 3 dicembre prossimo, a margine della Conferenza ONU a Parigi sul Cambiamento Climatico, gli è stata affidata la predicazione nella celebrazione ecumenica per la salvaguardia del Creato presso la Cattedrale di Notre-Dame.

“Oggi il mondo ha bisogno di figure che cerchino l’unità della famiglia umana – ha spiegato il Teologo Piero Coda, Preside dell’Istituto Universitario – e il Patriarca svolge un’azione costante e illuminata a servizio di una cultura che mira a riportare la fraternità al centro della storia dell’umanità”.

La motivazione specifica che “il Patriarca Ecumenico di Costantinopoli si è accreditato quale convinto e attivo protagonista nel cammino ecumenico verso la piena unità dei Cristiani e nel dialogo tra le persone di diverse religioni e convinzioni, distinguendosi nella promozione della giustizia, della pace, del rispetto dell’ambiente e della natura, in conformità alla visione dell’umanità, della storia e del cosmo custodita e attualizzata dalla tradizione spirituale e teologica dell’Oriente Cristiano”.

La storia del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli e i Focolari ha inizio con l’incontro tra il Patriarca Athenagoras I e Chiara Lubich: “Era il 13 giugno del 1967 – racconta la Lubich –, mi ha accolto come se mi avesse sempre conosciuta e ha voluto che gli narrassi i contatti del Movimento con Luterani e Anglicani”.

Sono stati 23 gli incontri, tra il 1967 e il 1972, di Athenagoras I con la Fondatrice dei Focolari, che è così diventata messaggera tra Papa Paolo VI e il Patriarca.

I rapporti sono poi continuati con il suo Successore Demetrio I.

I contatti con l’attuale Patriarca Ecumenico Bartolomeo sono proseguiti nello stesso spirito di amicizia spirituale.

Pochi giorni prima della morte della Lubich, 14 marzo 2008, Bartolomeo le ha fatto visita all’ospedale Gemelli di Roma: “Ho voluto venire qui per portare il saluto mio personale e del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli alla carissima Chiara Lubich, che tanto ha dato e dà con la sua vita alla Chiesa intera. Le ho pure impartito con riconoscenza la mia benedizione. Sono felice di averla incontrata”.

Due anni dopo ha accolto al Fanar, Maria Voce, neoeletta Presidente dei Focolari: “Deo gratias per la vostra amicizia, per la vostra visita, per i frutti del vostro Movimento, per la continuazione di quest’opera di Dio che rende gloria al Suo nome”.

L’attuale evento s’inserisce nella cornice del 50mo anniversario della nascita della cittadella di Loppiano e mette un altro tassello al rapporto di stima e collaborazione tra il Patriarcato di Costantinopoli e il Movimento dei Focolari.

Sarà possibile seguire l’evento anche in diretta internet su www.loppiano.it


Autore: 

You must be logged in to post a comment Login