Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

35.000 i Massoni in Italia

Edizione del: 25 ottobre 2013

Secondo un dato ufficiale, diffuso in questi giorni, sono 35.000 i Massoni in Italia.

La più grande “obbedienza” è il Grande Oriente d’Italia, 21.000 Membri, seguita dalla Gran Loggia degli Antichi, Liberi e Accettati Muratori – che, a differenza del Grande Oriente, ammette anche le donne – con 7.500 e dalla Gran Loggia Regolare d’Italia, l’unica riconosciuta dalla Casa Madre di Londra con 3.000.

Ci sono poi decine di gruppi minori, tra cui alcuni riservati alle sole donne.

E’ quanto emerge da una ricerca presentata a Ferrara dal Sociologo torinese Massimo Introvigne, che ha aperto il convegno sulla Massoneria “La croce e il compasso” organizzato, su iniziativa di Alleanza Cattolica, da un gruppo di Associazioni ferraresi fra cui Azione Cattolica, Comunione e Liberazione e Rinnovamento nello Spirito Santo.

Il convegno ha inteso  ricordare il 30mo anniversario della Dichiarazione sulla Massoneria della Santa Sede, del 1983, che vieta ai Cattolici l’iscrizione alla Massoneria sotto pena di esclusione dalla Santa Comunione.

“E’ questa – ha spiegato, secondo quanto riportano gli Organizzatori, il Canonista Giancarlo Cerrelli, vice-Presidente Nazionale dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani – la Legge della Chiesa tuttora vigente. Il documento, firmato dall’allora Cardinale Ratzinger, fu controfirmato da Papa Giovanni Paolo II e fa quindi parte del Magistero Pontificio vincolante per tutti”.

In Italia, poi – ha aggiunto lo Storico Marco Invernizzi – permane l’eredità di una storia di contrasti tra Massoneria e Chiesa che risale al Risorgimento.

Alla domanda se davvero ci sono Cardinali, Vescovi e preti Massoni, Introvigne ha risposto che “se ci sono violano la Legge della Chiesa, e certamente le violazioni non modificano la Legge. Ma attenzione alle accuse gratuite: oggi chiunque un po’ pratico di photoshop può produrre liste su carte intestate o tessere massoniche che sembrano vere, ma – appunto – sembrano soltanto”.

Per Introvigne è impossibile che Papa Francesco modifichi le Norme ribadite nel 1983 da Papa Giovanni Paolo II che vietano ai Cattolici di aderire alla Massoneria?

“E’ molto improbabile – hanno spiegato sia Introvigne sia l’Arcivescovo di Ferrara Mons. Luigi Negri, nell’intervento che ha concluso il convegno – perché il divieto non si fonda solo su singoli atteggiamenti anti-Cattolici di questa o quella Massoneria, ma sul metodo che la Massoneria usa nei suoi lavori, che induce al relativismo e mette in dubbio qualunque dogma o principio oggettivo e universale, creando dunque pericoli per la fede dei Cattolici”.


Autore: 

Iscritto all’Ordine dei Giornalisti e al Sindacato Nazionale Critici Cinematografici, prima di approdare a questa redazione (settembre 2013) ha collaborato con altre testate giornalistiche nazionali e toscane, occupandosi oltre che di cinema anche di spettacolo e cronaca.

You must be logged in to post a comment Login