Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti al servizio news offerto gratuitamente dalla redazione di News Cattoliche, in questo modo riceverai un avviso ogni qual volta pubblicheremo una notizia.

30 anni del Centro Televisivo Vaticano

Edizione del: 20 ottobre 2013

Trent’anni fa Giovanni Paolo II creò il Centro Televisivo, la televisione del Vaticano,  per rispondere alle richieste di “un’azione più efficace della Chiesa per quanto riguarda le comunicazioni sociali, specialmente quelle audiovisive”.

La prima diretta del Centro Televisivo – il quale “non ha una funzione documentale o neutrale”, come ha “ricordato” Papa Francesco, ma “contribuisce ad avvicinare la Chiesa al mondo” – fu l’Angelus della Pasqua del 1984, trasmesso via satellite anche negli Usa.

A distanza di 30 anni, oggi sono state presentate le prime immagini di Papa Francesco in 4k, ovverp con tecnologia UltraHd, e presto, ad aprile prossimo, inaugerà anche le trasmissioni in diretta in 3D.

Papa Francesco, ha osservato Viganò nel corso del convegno celebrativo per i 30 anni di fondazione del  CTV,  “ha risvegliato un grande interesse da parte dei maggiori network nazionali e internazionali e del web. Abbiamo messo in cantiere la digitalizzazione del nostro archivio, un nuovo sito internet e una piattaforma innovativa per la gestione dei contenuti”.

Per quanto riguarda la collaborazione con la Rai – all’inizio il CTV ha utilizzato per le dirette le telecamere, struttere tecniche e personale della Rai attraverso anche la struttura Rai Vaticano, creata negli anni Duemila – il Presidente della tv pubblica, Anna Maria Tarantola, ha evidenziato come “tra Rai e Ctv ci sono aspetti di comunanza: entrambi hanno una missione di servizio, il Ctv informa sulle attività del Papa, la Rai dà informazioni corrette, autorevoli e pluraliste per favorire la cittadinanza attiva, e di custodia della memoria. Non sono pochi gli ambiti su cui Rai e Ctv potranno continuare a collaborare in futuro”.

Oggi, la tv che racconta il Papa al mondo ha di fronte a sé una nuova “sfida”: fare in modo – ha spiegato il Presidente del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni Sociali e del Cda del Ctv, l’Arcivescovo Claudio Maria Celli – che “le immagini e le parole del Papa arrivino a più persone possibili”, una sfida da affrontare anche attraverso l’utilizzo “delle nuove tecnologie”.

Messaggi di congratulazioni e per solennizzare l’evento sono giunti da Papa Francesco e dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, come riportiamo in due distinti articoli.


Autore: 

Nicola Nuti, 35 anni, diplomato, è Capo Redattore di News Cattoliche. Dal 2008 è curatore del sito della Parrocchia San Francesco di Pisa. Ha collaborato con le testate on line Stamp Toscana e La Terrazza di Michelangelo.

You must be logged in to post a comment Login